Salvaguardare la nostra identità

Salvaguardare la nostra identità

Anna Mossuto

23.03.2017 - 15:30

0

Il Centro Italia è in ginocchio, lo stillicidio di scosse sta devastando i monumenti e gli animi di chi si sente sobbalzare la terra sotto i piedi. Il terrore si sta impossessando delle nostre vite, le scene di panico lo dimostrano. Quella di ieri mattina, lunghissima, è stata la più forte registrata nel nostro Paese dal 1980 quando il terremoto causò quasi tremila vittime. Oggi, per fortuna, non piangiamo morti. Un miracolo, un altro, dopo il 26 ottobre, dopo mercoledì sera, dopo le scosse che dalle 19.11 in poi ci hanno fatto ripiombare nel baratro della paura e della sofferenza. Ma il bilancio non è di poco conto: paesi interi cancellati, palazzi sventrati, danni immani alle chiese e alle case, cumuli di macerie per strada, ospedali evacuati, scuole inagibili. Le immagini che rimbalzano sugli schermi televisivi di tutto il mondo sono surreali, ancora più sconvolgenti le riprese dall’alto. Della basilica di San Benedetto di Norcia è rimasta solo parte della facciata principale, il resto si è accartocciato su se stesso. Ed è questa la foto simbolo dell’ennesima tragedia che ha colpito migliaia e migliaia di persone e il solo guardarla provoca una stretta al cuore. Ma, purtroppo, di questo nuovo sisma, tante possono essere annoverate come immagini simbolo. Anche le suore, i frati e gli altri fedeli che pregano nella piazza del patrono d’Europa sono qualcosa di veramente commovente mentre i soccorsi girano all’impazzata per accertare se ci sono vittime o feriti. Oppure le parole dei testimoni che hanno lo stesso suono, lo stesso sconforto, o anche le lacrime di chi lo vive in diretta sono contagiose. Perché la verità è che chi non ha mai vissuto sulla propria pelle il terremoto non sa di che cosa stiamo parlando, non immagina minimamente quella sensazione di vulnerabilità, di fragilità, che non ti abbandona neanche quando il lampadario smette di oscillare. Nonostante la paura e il dolore infinito la parola d’ordine dovrà essere solo una, e cioè ricostruire salvaguardando l’identità dei borghi e dei paesi del cratere sismico. Tantissimi cittadini, molti dei quali anziani, non vogliono abbandonare le loro abitazioni perché significherebbe rompere le radici, recidere qualsiasi legame con la propria vita, il proprio passato e i propri affetti. Ma il primo interesse di tutti è mettere in sicurezza le persone, metterle al riparo da altre scosse, ed è quello che è stato fatto ieri dalle 7.40 in poi. E ancora una volta oltre al terremoto l’Umbria e le altre zone limitrofi hanno registrato un’impennata di solidarietà, vicinanza, condivisione, da tutto il Paese, a cominciare dalle istituzioni. Ma una cosa è certa e soprattutto fondamentale: bisogna fare in fretta, muoversi sul serio con i fatti e non solo con le promesse.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018