La strada del perdono

La strada del perdono

05.08.2016 - 14:30

0

Il mondo ha bisogno del perdono, tutti noi abbiamo bisogno di essere perdonati e di perdonare. Questo il messaggio, forte e sentito, pronunciato da papa Francesco nella Porziuncola, luogo simbolo della cristianità dove otto secoli fa il Santo di Assisi ricevette la concessione dell'indulgenza plenaria, la prima in assoluto nella storia della Chiesa, perché “voleva mandarci tutti in Paradiso”.
Una visita storica per indicare a tutti la strada maestra per la salvezza e qui nella piccola chiesa all’interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli tutto parla di perdono. Lo ha detto il Santo Padre nella sua meditazione e le sue parole ritornano a mente se ripercorriamo le immagini del suo arrivo in una delle giornate più calde d’estate, quando non risparmia le carezze ai malati e ai bambini, quando sorride fermandosi a stringere le mani mentre attraversa la navata principale fino a quando si siede su una sedia come ha fatto ad Auschwitz davanti a quel minuscolo pezzo di terra pregando in silenzio e chiedendo perdono per tutto il male che gli uomini hanno prodotto e continuano a produrre.
La commozione dura il tempo del suo raccoglimento, il silenzio sembra irreale, e poi le sue parole che rimbombano come un monito, intervallate da frasi e battute “fuori sacco” per semplificare il discorso stampato. Ma sempre a insistere sulla strada del perdono, l’unica strada che può davvero rinnovare la chiesa e il mondo. Il mondo ha bisogno del perdono, ha ripetuto. “Perché troppe persone vivono rinchiuse nel rancore e covano odio, perché incapaci di perdono, rovinando la vita propria e altrui piuttosto che trovare la gioia della serenità e della pace”.
Ma alla fine il Papa ha regalato anche un fuori programma, dirigendosi verso i confessionali e invitando i vescovi e i frati a seguirlo per confessare alcune persone. Un gesto in linea con il suo modo di fare, in sintonia con il tema del perdono. Un evento storico questa seconda visita del Pontefice nella terra di Francesco, la comunità umbra da ieri è più ricca e ricorderà la grandezza di questo uomo vestito di bianco che invoca il perdono già invocato da Francesco diventato santo ottocento anni fa nello stesso luogo e con lo stesso spirito.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018