Terminillo "dimenticato" dai turisti per il ponte del Primo Maggio

RIETI

Terminillo "dimenticato" dai turisti per il ponte del Primo Maggio

01.05.2017 - 23:19

0

Le auto si contavano sulle dita di una mano, idem per le presenze. E’ lo scenario desolante di domenica al monte Terminillo, giorno di festa che ne precedeva un altro, quello di lunedi primo maggio, con un pallido ma comunque gradevole sole che ha accompagnato la giornata. Vorremmo smettere di raccontare la profonda crisi del Terminillo, oramai storica, che puntualmente conta poche presenze nei giorni di festa (a parte il turismo “mordi e fuggi” dei locali) e soprattutto smettere di ascoltare le lamentele (sacrosante) dei titolari di strutture ricettive che non ce la fanno più a vedere la montagna che tanto amano e dal potenziale elevato, semideserta, priva di servizi e quindi anche di turisti. Da Pian De’ Rosce (1000 mt) fino al rifugio Sebastiani, quota 1800 metri, non si sono incontrate più di dieci auto. “Nella giornata di sabato – dice piuttosto scoraggiata la titolare del bar “da Heidi” in prossimità del giro dell’anello, zona Campoforogna – sono entrate quattro persone. Era una bellissima giornata ma, nonostante ciò, non c’era nessuno – ci aspettavamo più presenze, visto l’inizio di un lungo ponte con il primo maggio incluso, e invece è stata una giornata interminabile, noiosa e non si è visto nessuno. Nell’arco dell’intera giornata lavorativa sono entrate solamente quattro persone, le ho contate. Non si può andare avanti così”. Questa è soltanto una testimonianza, l’ennesima conferma della crisi che attanaglia il monte Terminillo per il quale sarebbe ora di smettere di parlare e cominciare invece ad agire partendo innanzitutto con il recuperare ciò che è abbandonato. La pagina probabilmente più squallida e triste è quella relativa a ciò che c’è introno ad una montagna meravigliosa, che regala scenari mozzafiato e che non hanno nulla da invidiare a innumerevoli aree del nord Italia. E’ davvero desolante infatti fare un giro in auto o passeggiare, guardarsi intorno e scoprire che ci sono tante (troppe) strutture, e di vario genere, abbandonate da anni. Ma la speranza che qualcosa cambi e che il Terminillo non viva solo ed esclusivamente del turismo “mordi e fuggi”, quello di una giornata, composto prevalentemente da reatini, ternani o romani, e soprattutto che non si concentri solamente in estate visto che è una montagna che può essere ampiamente sfruttata nel corso delle quattro stagioni, continua a restare viva.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Di Maio: procedura di gara un pasticcio, indagine al Mise

Ilva, Di Maio: procedura di gara un pasticcio, indagine al Mise

Roma (askanews) - L'Anac "ha confermato le criticità che avevamo segnalato: la procedura di gara è stata un pasticcio". Lo ha detto il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, rispondendo a un'interpellanza alla Camera, sull'Ilva. "C'era chi prendeva in giro il governo perché volevano studiare. Credo che abbiamo fatto bene", ha aggiunto. "Le criticità segnalate dall'Anac ...

 
Altro

Sos per il piccolo Uka, orango abbandonato

Era stato abbandonato in una gabbia di un metro per un metro al buio. Il piccolo Uka, un cucciolo di orangutan del Borneo, ritrovato in pessime condizioni dai volontari dell’International Animal Rescue ha ora bisogno di cure urgenti. Il piccolo quando è stato ritrovato nell'oscurità della sua cassa era in piedi su un letto di frutta marcia, feci e stracci imbevuti di urina. Sottomesso e svogliato,...

 
Altro

Primo volo per il gigante dei cieli

Volo di prova per l’aereo Cargo Airbus A330-743L Beluga XL. Il gigante dei cieli è decollato da Blagnac, nel sud della Francia. Sarà sottoposto a circa 600 ore di test di volo per 10 mesi prima di entrare in servizio. La livrea è quella di una balena, design scelto dallo staff di Airbus in seguito a un sondaggio condotto tra 20.000 dipendenti. (Video courtesy Airbus)

 
Altro

A Riccione un urlo da record

Più di 4000 persone tra grandi e piccini si sono ritrovati nella piscina Onde dell’Aquafan di Riccione per un urlo collettivo. Un grido liberatorio ma anche di sfida e per infondere coraggio a se stessi. I partecipanti al grande urlo hanno provato ad abbattere il muro del suono, superando con la propria voce il “bang” sonico prodotto da un jet che viaggia alla velocità di 1200 km/h

 
Torna “Jazz in Chiostro”, cultura e musica a Sant'Agostino

RIETI

Torna “Jazz in Chiostro”, cultura e musica a Sant'Agostino

Il Coro e l'Orchestra D'altroCanto, con il patrocinio del Comune di Rieti e del Conservatorio “A. Casella” de L'Aquila, presentano “Jazz in Chiostro 2018”. La manifestazione, ...

02.07.2018

Docenti di Strumento musicale di Rieti al Wind Summer Festival 2018

RIETI

Docenti di Strumento musicale di Rieti al Wind Summer Festival 2018

L’Istituto Comprensivo “Forum Novum” di Torri in Sabina, in provincia di Rieti, ritorna sul palcoscenico internazionale con i suoi docenti di strumento musicale: Vincenzo ...

02.07.2018

L'artista reatino Carlo Valente scelto per l'Agri Cool Tour Festival 2018

RIETI

L'artista reatino Carlo Valente scelto per l'Agri Cool Tour Festival 2018

E’ Carlo Valente, talentuoso cantautore reatino, l'artista scelto quest’anno  per l'“AGRI COOL  TOUR Festival 2018”, il format di concerti ideato e promosso da Isola Tobia ...

26.06.2018