Terminillo "dimenticato" dai turisti per il ponte del Primo Maggio

RIETI

Terminillo "dimenticato" dai turisti per il ponte del Primo Maggio

01.05.2017 - 23:19

0

Le auto si contavano sulle dita di una mano, idem per le presenze. E’ lo scenario desolante di domenica al monte Terminillo, giorno di festa che ne precedeva un altro, quello di lunedi primo maggio, con un pallido ma comunque gradevole sole che ha accompagnato la giornata. Vorremmo smettere di raccontare la profonda crisi del Terminillo, oramai storica, che puntualmente conta poche presenze nei giorni di festa (a parte il turismo “mordi e fuggi” dei locali) e soprattutto smettere di ascoltare le lamentele (sacrosante) dei titolari di strutture ricettive che non ce la fanno più a vedere la montagna che tanto amano e dal potenziale elevato, semideserta, priva di servizi e quindi anche di turisti. Da Pian De’ Rosce (1000 mt) fino al rifugio Sebastiani, quota 1800 metri, non si sono incontrate più di dieci auto. “Nella giornata di sabato – dice piuttosto scoraggiata la titolare del bar “da Heidi” in prossimità del giro dell’anello, zona Campoforogna – sono entrate quattro persone. Era una bellissima giornata ma, nonostante ciò, non c’era nessuno – ci aspettavamo più presenze, visto l’inizio di un lungo ponte con il primo maggio incluso, e invece è stata una giornata interminabile, noiosa e non si è visto nessuno. Nell’arco dell’intera giornata lavorativa sono entrate solamente quattro persone, le ho contate. Non si può andare avanti così”. Questa è soltanto una testimonianza, l’ennesima conferma della crisi che attanaglia il monte Terminillo per il quale sarebbe ora di smettere di parlare e cominciare invece ad agire partendo innanzitutto con il recuperare ciò che è abbandonato. La pagina probabilmente più squallida e triste è quella relativa a ciò che c’è introno ad una montagna meravigliosa, che regala scenari mozzafiato e che non hanno nulla da invidiare a innumerevoli aree del nord Italia. E’ davvero desolante infatti fare un giro in auto o passeggiare, guardarsi intorno e scoprire che ci sono tante (troppe) strutture, e di vario genere, abbandonate da anni. Ma la speranza che qualcosa cambi e che il Terminillo non viva solo ed esclusivamente del turismo “mordi e fuggi”, quello di una giornata, composto prevalentemente da reatini, ternani o romani, e soprattutto che non si concentri solamente in estate visto che è una montagna che può essere ampiamente sfruttata nel corso delle quattro stagioni, continua a restare viva.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Ischia (askanews) - Un salvataggio lungo e difficoltoso. Luca Cari, responsabile della comunicazione emergenza dei Vigili del fuoco, racconta come sono stati estratti dalle macerie e riportati alla vita i tre fratellini sepolti per ore sotto la loro casa crollata dopo una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 a Ischia. "Il lavoro è lunghissimo si è trattato di rompere pezzo a pezzo il solaio di ...

 
Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Ischia (askanews) - Ad Ischia ci sono 600 case abusive con ordine definitivo di abbattimento e 27 mila pratiche di condono presentate in occasione di tre sanatorie nazionali. Una situazione, fotografata da Legmabiente, che ha aumentato gli effetti della scossa di magnitudo 4.0 sull'isola, insieme alla particolare struttura morfologica del territorio. Ma gli ischitani reagiscono con rabbia ad ...

 
"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

Roma (askanews) - Martin Scorsese lo ha definito "bello e commovente": "A Ciambra" di Jonas Carpignano, nei cinema dal 31 agosto, è ambientato nel quartiere di Gioia Tauro dove vivono da circa trent'anni molte famiglie rom. Carpignano è entrato in contatto con una di loro, gli Amato, e li ha convinti a diventare protagonisti e interpreti del suo film. Al centro del racconto il giovane Pio e il ...

 
Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Ischia (askanews) - "Sono vivo, state tranquilli". Sono queste le prime parole di uno dei tre fratelli estratti vivi dalle macerie della loro casa a Ischia, come racconta Monica Impagliazzo, una anestesista-rianimatrice del Fatebenefratelli di Milano che ha assistito in prima persona al salvataggio di Ciro, il più grande dei tre. Era "un po' più indebolito, provato - ha raccontato - è quello che ...

 
il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Addio a Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017

Al Terminillo serata di grandi emozioni con il Musì trio

RIETI

Al Terminillo una serata di grandi emozioni con il Musì trio

Una serata piena di emozioni ha regalato il Musi’ trio di Maria Rosaria De Rossi (Soprano), Sandro Sacco (Flauto traverso) e Paolo Paniconi (Pianoforte), in un concerto ...

19.08.2017