Rissa al Borgo  e violenza sessuale a Villa Reatina, Fratelli d'Italia: "Gestire meglio gli immigrati sul territorio"

RIETI

Rissa al Borgo e violenza sessuale a Villa Reatina, Fratelli d'Italia: "Gestire meglio gli immigrati sul territorio"

20.03.2017 - 21:44

0

Sulla rissa tra rifugiati al Borgo e la tentata violenza sessuale a Villa Reatina si è pronunciato il portavoce di Fratelli d'Italia, Daniele Sinibaldi. "I fatti dei giorni scorsi, la rissa tra i due immigrati al quartiere Borgo e il tentativo di stupro ad una donna da parte di un richiedente asilo, ci impongono una riflessione seria come comunità cittadina. Questa ondata migratoria forse non può essere fermata, o almeno non da noi, ma può e deve essere monitorata e controllata. Non è possibile - continua Sinibaldi - accettare continui episodi di violenza e malcostume, va messo un freno immediato per prevenire altri focolai. Rieti è una città che si è distinta negli anni per in integrazione serena e rispettosa di diverse comunità etniche e religiose che oggi sono parte integrante della nostra comunità cittadina, nel rispetto delle loro sensibilità ma anche delle nostre leggi e dei nostri usi. Questi processi erano controllati principalmente dall' amministrazione comunale e da alcune organizzazioni e associazioni che si relazionavano con l' istituzione. Oggi il proliferare di aziende private che gestiscono i processi di integrazione e la possibilità di ottenere un profitto dalla gestione dei migranti rischia di snaturare il l'obiettivo delle politiche di accoglienza e di aprire un mercato che ricalca i caratteri di una vera e propria tratta degli esseri umani. Servono regole più dure e responsabilità più profonde, sia per i migranti che per chi e' imbarca nell' impresa di accoglierli. Solo questi - conclude il portavoce cittadino di Fratelli d'Italia, Daniele Sinibaldi -possono essere i presupposti di un processo di integrazione".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Un francese lancia da Yalta l'idea di un club amici della Crimea

Un francese lancia da Yalta l'idea di un club amici della Crimea

Yalta, (askanews) - Viene da un francese l'idea di fondare un club degli amici della Crimea: una specie di associazione contraria alle sanzioni decise dalla Ue per la crisi Ucraina, entrate in vigore dopo l annessione della penisola da parte della Russia. Il luogo prescelto per lanciare l'iniziativa è palazzo Livadija: questo piccolo castello è stato prima la residenza estiva dell'ultimo zar di ...

 
Crisi Alitalia: Lufthansa tarpa le ali a ipotesi di salvataggio

Crisi Alitalia: Lufthansa tarpa le ali a ipotesi di salvataggio

Colonia, Germania (askanews) - Lufthansa tarpa le ali a ogni possibilità di salvataggio Alitalia. La principale compagnia aerea tedesca ha seccamente smentito qualsiasi ipotesi di essere intenzionata a rilevare l'azienda italiana. "Non ci apprestiamo ad acquistare Alitalia", ha dichiarato il direttore finanziario Ulrik Svensson in merito alle indiscrezioni di stampa che parlavano di un ...

 
Eliseo 2017, Marine Le Pen: Macron amico delle grandi banche

Eliseo 2017, Marine Le Pen: Macron amico delle grandi banche

Le Grau-du-Roi, Francia (askanews) - La candidata del Front national Marine Le Pen, nel corso della campagna elettorale per il ballottaggio delle presidenziali francesi, è uscita in mare con alcuni pescatori di Grau-du-Roi, comune del dipartimento del Gard nella regione della Linguadoca-Rossiglione per riaffermare l'intenzione di non lasciare a un trader rampante la possibilità di spazzare via la ...

 
Gentiloni: Brexit non è stata miccia per implosione della Ue

Gentiloni: Brexit non è stata miccia per implosione della Ue

Roma (askanews) - "Coloro che temevano o speravano che la Brexit sarebbe stata la miccia per l'implosione dell'Ue si sono sbagliati: le cose non sono andate così". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni durante le comunicazioni in aula alla Camera in vista del consiglio europeo di sabato su Brexit. "Questo non significa affatto sottovalutare l'importanza di Brexit ma significa registrare il fatto ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...