hausmann e granieri

RIETI

Coldiretti, parte da Rieti e Viterbo la "guerra del Pecorino"

19.10.2016 - 11:12

0

“Intanto aspettiamo che il ministero delle politiche agricole riconosca la nuova dop cacio romano, ma sia chiaro che noi mai rinunceremo al marchio pecorino perché è nostro per nascita”. David Granieri, presidente della Coldiretti del Lazio, rompe gli indugi e apre la battaglia sindacale per restituire dignità e reddito ai produttori laziali della filiera del pregiato formaggio comprato in tutto il mondo. Lo fa da Viterbo dove incontra prima i trasformatori, poi gli allevatori e i produttori di latte ovino di tutta la regione – in particolare da Roma, Viterbo e Rieti. La strategia, pianificata per contrastare l’anomalo operato del Consorzio di tutela (sul quale l’Antitrust intanto ha aperto un’indagine) punta su due fronti: ottenere la nuova dop e garantire alle aziende romane che dovessero restare nel Consorzio del pecorino una differenziazione tale da garantire l’adeguata valorizzazione anche del loro prodotto. Il casus belli che ha spinto la Coldiretti del Lazio alla politica separatista dalla Sardegna è stato il sequestro, presso un caseificio della Capitale, di formaggio etichettato con l’aggettivo romano che, secondo il Consorzio di tutela del pecorino, danneggerebbe il prodotto dop. “Un sequestro inaccettabile – ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Carlo Hausmann, anche lui a Viterbo – intanto perché stiamo parlando di marchi storici e poi perché noi, prima di altri, dobbiamo poter utilizzare liberamente un’indicazione geografica che è nostra. Auspico azioni – ha concluso l’assessore – per limitare nella filiera del pecorino le sperequazioni ai danni delle aziende romane”. Il sistema del latte ovino laziale è composto da 3.000 allevamenti specializzati con una consistenza di 750.000 capi e 359 imprese di trasformazione, 3 delle quali accreditate a produrre pecorino dop. Il Lazio, in sostanza, vale appena il 3% della filiera. È la Sardegna a controllare la totalità (97%) dell’economia legata alla produzione e vendita del pecorino romano. “Dobbiamo differenziare i due prodotti sul mercato, solo così è possibile tutelare la filiera sarda e valorizzare quella romana. Questa – avverte Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio – è una battaglia che va combattuta e chiusa in quindici giorni”.  A coordinare i lavori delle due assemblee è stato Mauro Pacifici, presidente della Coldiretti di Viterbo. “Al primo incontro c’erano quindici imprenditori, titolari delle più importanti aziende laziali della trasformazione. Al secondo erano presenti oltre cento pastori. Il successo di partecipazione alle due assemblee – ha commentato Pacifici – è il segno tangibile della grande attenzione verso la problematica e la conferma che i tempi sono maturi per giocare, questa volta fino in fondo, una partita che dovrà cambiare le sorti dell’economia locale legata alla produzione e trasformazione del nostro formaggio”.  “Il recente sequestro di cacio romano – ha concluso Granieri – ha avuto il merito di ricompattare la filiera laziale, dai pastori fino ai trasformatori. Entrambe le categorie condividono la nostra iniziativa. Inoltre, rivendicare la distintività del nostro prodotto rispetto a quello sardo è doveroso se non altro perché la piazza italiana di maggiore consumo di pecorino è proprio Roma, con vendite annue che superano i 60.000 quintali di formaggio”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bankitalia, Gentiloni: rapporti con il Pd sono ottimi

Bankitalia, Gentiloni: rapporti con il Pd sono ottimi

Roma (askanews) - "I rapporti tra il governo e il Pd, di cui mi onoro di far parte, sono fondamentali e ottimi in generale. Dopodi chè noi decidiamo avendo quell'obiettivo lì", ovvero l'autonomia della Banca d'Italia: quella sui vertici "non è decisione di buona creanza, è una decisione rilevante". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, chiamato da un'ulteriore domanda a tornare sulla questione ...

 
Premier spagnolo Rajoy: in Catalogna arrivati a situazione limite

Premier spagnolo Rajoy: in Catalogna arrivati a situazione limite

Bruxelles, (askanews) - Dopo che il presidente catalano Carles Puigdemont non ha ritirato la dichiarazione d'indipendenza entro la scadenza prevista giovedì (19 ottobre), il governo conservatore spagnolo si prepara a commissariare la Catalogna. In una conferenza stampa al termine dei lavori del consiglio europeo a Bruxelles, il primo ministro di Spagna Mariano Rajoy ha affermato che in Catalogna ...

 
Lancet: nel 2015 l'inquinamento ha causato 9 milioni di morti

Lancet: nel 2015 l'inquinamento ha causato 9 milioni di morti

Roma, (askanews) - L'inquinamento è stato collegato a 9 milioni di morti in tutto il mondo nel 2015, secondo un report pubblicato da Lancet. La maggior parte dei decessi è avvenuta in Paesi a basso o medio reddito dove l'inquinamento è ritenuto responsabile di un quarto di tutti i decessi. Il Bangladesh e la Somalia sono i due Paesi più colpiti. Il Brunei e la Svezia, invece, hanno registrato il ...

 
Gentiloni: sforzo italiano in Libia non può durare, serve Ue

Gentiloni: sforzo italiano in Libia non può durare, serve Ue

Burxelles (askanews) - Il contrasto ai trafficanti di essere umani nel Mediterraneo mostra "una situazione molto incoraggiante dal punto di vista dei risultati ma fragile e per nulla garantita". Per questo "c'è bisogno del sostegno politico perchè l'Italia non può fare a lungo questo sforzo in Libia soltanto come tricolore, ma deve farlo nell'ambito di operazioni che siano sempre più ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017