hausmann e granieri

RIETI

Coldiretti, parte da Rieti e Viterbo la "guerra del Pecorino"

19.10.2016 - 11:12

0

“Intanto aspettiamo che il ministero delle politiche agricole riconosca la nuova dop cacio romano, ma sia chiaro che noi mai rinunceremo al marchio pecorino perché è nostro per nascita”. David Granieri, presidente della Coldiretti del Lazio, rompe gli indugi e apre la battaglia sindacale per restituire dignità e reddito ai produttori laziali della filiera del pregiato formaggio comprato in tutto il mondo. Lo fa da Viterbo dove incontra prima i trasformatori, poi gli allevatori e i produttori di latte ovino di tutta la regione – in particolare da Roma, Viterbo e Rieti. La strategia, pianificata per contrastare l’anomalo operato del Consorzio di tutela (sul quale l’Antitrust intanto ha aperto un’indagine) punta su due fronti: ottenere la nuova dop e garantire alle aziende romane che dovessero restare nel Consorzio del pecorino una differenziazione tale da garantire l’adeguata valorizzazione anche del loro prodotto. Il casus belli che ha spinto la Coldiretti del Lazio alla politica separatista dalla Sardegna è stato il sequestro, presso un caseificio della Capitale, di formaggio etichettato con l’aggettivo romano che, secondo il Consorzio di tutela del pecorino, danneggerebbe il prodotto dop. “Un sequestro inaccettabile – ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Carlo Hausmann, anche lui a Viterbo – intanto perché stiamo parlando di marchi storici e poi perché noi, prima di altri, dobbiamo poter utilizzare liberamente un’indicazione geografica che è nostra. Auspico azioni – ha concluso l’assessore – per limitare nella filiera del pecorino le sperequazioni ai danni delle aziende romane”. Il sistema del latte ovino laziale è composto da 3.000 allevamenti specializzati con una consistenza di 750.000 capi e 359 imprese di trasformazione, 3 delle quali accreditate a produrre pecorino dop. Il Lazio, in sostanza, vale appena il 3% della filiera. È la Sardegna a controllare la totalità (97%) dell’economia legata alla produzione e vendita del pecorino romano. “Dobbiamo differenziare i due prodotti sul mercato, solo così è possibile tutelare la filiera sarda e valorizzare quella romana. Questa – avverte Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio – è una battaglia che va combattuta e chiusa in quindici giorni”.  A coordinare i lavori delle due assemblee è stato Mauro Pacifici, presidente della Coldiretti di Viterbo. “Al primo incontro c’erano quindici imprenditori, titolari delle più importanti aziende laziali della trasformazione. Al secondo erano presenti oltre cento pastori. Il successo di partecipazione alle due assemblee – ha commentato Pacifici – è il segno tangibile della grande attenzione verso la problematica e la conferma che i tempi sono maturi per giocare, questa volta fino in fondo, una partita che dovrà cambiare le sorti dell’economia locale legata alla produzione e trasformazione del nostro formaggio”.  “Il recente sequestro di cacio romano – ha concluso Granieri – ha avuto il merito di ricompattare la filiera laziale, dai pastori fino ai trasformatori. Entrambe le categorie condividono la nostra iniziativa. Inoltre, rivendicare la distintività del nostro prodotto rispetto a quello sardo è doveroso se non altro perché la piazza italiana di maggiore consumo di pecorino è proprio Roma, con vendite annue che superano i 60.000 quintali di formaggio”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Erdogan rieletto presidente della Turchia, vince al primo turno

Erdogan rieletto presidente della Turchia, vince al primo turno

Istanbul (askanews) - Erdogan governerà la Turchia per altri 5 anni. Il Capo di Stato è stato rieletto al primo turno e ora grazie alla modifica costituzionale da lui voluta, avrà ancora più poteri in un Paese già guidato col pugno di ferro. L'opposizione ha denunciato brogli e contestato il risultato. Inutilmente, già nella notte migliaia di persone si sono riversate nelle strade di Ankara ...

 
Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello
La rivincita vista da vicino

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello

La gara è stata una delle più entusiasmanti della storia della Corsa all'Anello: la rivincita 2018 è stata conquistata a notte inoltrata dal terziere di Santa Maria, che pure era partito con handicap per l'infortunio (per fortuna non grave) capitato al suo primo cavaliere, che non è potuto entrare in campo. Ecco però viste da vicino le immagini della benedizione, preparazione, del corteo storico ...

 
Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
teatro flavio vespasiano

RIETI

Al teatro in scena i celebri "Carmina Burana"

Sabato 23 giugno, alle 18, al teatro Flavio Vespasiano, sono in programma i celebri "Carmina Burana" di Carl Orff, versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni ...

22.06.2018

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018