hausmann e granieri

RIETI

Coldiretti, parte da Rieti e Viterbo la "guerra del Pecorino"

19.10.2016 - 11:12

0

“Intanto aspettiamo che il ministero delle politiche agricole riconosca la nuova dop cacio romano, ma sia chiaro che noi mai rinunceremo al marchio pecorino perché è nostro per nascita”. David Granieri, presidente della Coldiretti del Lazio, rompe gli indugi e apre la battaglia sindacale per restituire dignità e reddito ai produttori laziali della filiera del pregiato formaggio comprato in tutto il mondo. Lo fa da Viterbo dove incontra prima i trasformatori, poi gli allevatori e i produttori di latte ovino di tutta la regione – in particolare da Roma, Viterbo e Rieti. La strategia, pianificata per contrastare l’anomalo operato del Consorzio di tutela (sul quale l’Antitrust intanto ha aperto un’indagine) punta su due fronti: ottenere la nuova dop e garantire alle aziende romane che dovessero restare nel Consorzio del pecorino una differenziazione tale da garantire l’adeguata valorizzazione anche del loro prodotto. Il casus belli che ha spinto la Coldiretti del Lazio alla politica separatista dalla Sardegna è stato il sequestro, presso un caseificio della Capitale, di formaggio etichettato con l’aggettivo romano che, secondo il Consorzio di tutela del pecorino, danneggerebbe il prodotto dop. “Un sequestro inaccettabile – ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Carlo Hausmann, anche lui a Viterbo – intanto perché stiamo parlando di marchi storici e poi perché noi, prima di altri, dobbiamo poter utilizzare liberamente un’indicazione geografica che è nostra. Auspico azioni – ha concluso l’assessore – per limitare nella filiera del pecorino le sperequazioni ai danni delle aziende romane”. Il sistema del latte ovino laziale è composto da 3.000 allevamenti specializzati con una consistenza di 750.000 capi e 359 imprese di trasformazione, 3 delle quali accreditate a produrre pecorino dop. Il Lazio, in sostanza, vale appena il 3% della filiera. È la Sardegna a controllare la totalità (97%) dell’economia legata alla produzione e vendita del pecorino romano. “Dobbiamo differenziare i due prodotti sul mercato, solo così è possibile tutelare la filiera sarda e valorizzare quella romana. Questa – avverte Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio – è una battaglia che va combattuta e chiusa in quindici giorni”.  A coordinare i lavori delle due assemblee è stato Mauro Pacifici, presidente della Coldiretti di Viterbo. “Al primo incontro c’erano quindici imprenditori, titolari delle più importanti aziende laziali della trasformazione. Al secondo erano presenti oltre cento pastori. Il successo di partecipazione alle due assemblee – ha commentato Pacifici – è il segno tangibile della grande attenzione verso la problematica e la conferma che i tempi sono maturi per giocare, questa volta fino in fondo, una partita che dovrà cambiare le sorti dell’economia locale legata alla produzione e trasformazione del nostro formaggio”.  “Il recente sequestro di cacio romano – ha concluso Granieri – ha avuto il merito di ricompattare la filiera laziale, dai pastori fino ai trasformatori. Entrambe le categorie condividono la nostra iniziativa. Inoltre, rivendicare la distintività del nostro prodotto rispetto a quello sardo è doveroso se non altro perché la piazza italiana di maggiore consumo di pecorino è proprio Roma, con vendite annue che superano i 60.000 quintali di formaggio”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo, bambino vittima bullismo cerca di darsi fuoco a scuola

Palermo (askanews) - Stanco di subire atti di bullismo ha cercato di darsi fuoco in classe. Protagonista della vicenda è un ragazzino che frequenta la seconda media di un istituto comprensivo di Cefalù, in provincia di Palermo. Lo studente, la mattina di lunedì 11 dicembre, si è cosparso di un liquido infiammabile ed ha minacciato di darsi fuoco con un accendino, venendo fortunatamente bloccato ...

 
A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

A Roma per la prima volta una mostra del fotografo Steve McCurry

Roma, (askanews) - Un'emozionante raccolta fatta di meravigliosi scatti realizzati in ogni angolo del mondo, per la prima volta fino al 7 gennaio in mostra nel nuovo spazio di Wegil a Trastevere, a Roma: si intitola "Leggere", è la mostra del fotografo americano Steve McCurry. La personale dell'artista statunitense è stata scelta per aprire la programmazione di Wegil il nuovo hub culturale ...

 
Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Milano (askanews) - L'elogio della lentezza non più solo nel mangiare ma anche nel bere, dallo slow food si passa allo slow drink puntando a conquistare i giovani passando per il variegato mondo del cocktail. È la strategia di Star of Bombay, l'ultimo nato in casa dei produttori di gin del gruppo Martini Bacardi: un prodotto completamente rifatto con grande attenzione alla scelta degli ...

 
Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Roma (askanews) - Un successo che dura da 35 anni. I film di Natale prodotti da De Laurentiis, dal primo "Vacanze di Natale" del 1983 all'ultimo "Dio salvi la regina", hanno incassato complessivamente 400 milioni, coinvolto più di 200 attori, e sono stati girati in 50 location, da Cortina D'Ampezzo a New York. Quest'anno, per celebrare il 35esimo compleanno del cosiddetto "cinepanettone", il 14 ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

teatro flavio vespasiano

RIETI

Al Flavio finale nazionale del "Gran premio della danza"

Apertura questa mattina del teatro Flavio Vespasiano per ospitare la finale nazionale della IV edizione del “Gran premio della danza”, con la direzione artistica di Steve ...

09.12.2017

Al teatro Flavio c’è “Copenaghen” di Michael Frayn

RIETI

Al teatro Flavio c’è “Copenaghen” di Michael Frayn

Questa sera (venerdì 8), alle ore 21, al teatro Flavio Vespasiano, è in programma "Copenaghen" di Michael Frayn, opera teatrale con Umberto Orsini, Massimo Popolizio e ...

08.12.2017