Morte di Mariangela, il giallo dei vestiti che indossava trovati asciutti

BORGOROSE

Morte di Mariangela, il giallo dei vestiti che indossava trovati asciutti

17.05.2016 - 17:35

0

I funerali di Mariangela Mancini, la giovane di 33 anni trovata senza vita in un campo vicino a Spedino venerdì mattina, sono stati rinviati. La famiglia, che non ha mai creduto all'ipotesi di suicidio, ha nominato come perito di parte l'anatomopatologo Gaetano Falcocchio e la Procura ha aperto un fascicolo per ipotesi di reato di omicidio contro ignoti. Il corpo non è stato ancora restituito alla famiglia e i funerali (inizialmente previsti per oggi pomeriggio), sono rimandati a data da destinarsi. Sono infatti necessarie ulteriori analisi da effettuare accuratamente, poiché Mariangela aveva espresso la volontà di essere cremata e i dubbi sulla sua morte sono ancora tanti.

L’autopsia L'autopsia effettuata sabato dal medico legale Luigi Cipolloni (il sostituto procuratore Cristina Cambi ha dato 60 giorni di tempo per il deposito dei risultati), ha confermato che la donna aveva ingerito acido muriatico (una bottiglia mezza vuota era stata rinvenuta a qualche metro dal corpo). Finora questa è l'unica certezza: l'acido muriatico è stato la causa del decesso. Ma sul collo c'erano evidenti segni compatibili con un tentativo di strangolamento, graffi e lividi sul corpo e fin dal primo momento le indagini dei carabinieri di Borgorose e di Cittaducale non avevano escluso nessuna ipotesi, interrogando familiari, conoscenti e il fidanzato Luca, con il quale stava andando a convivere e con il quale lavorava nell'azienda di Corvaro. Ma c'è di più.
L'autopsia ha stabilito anche che la morte risale alle ore 14 circa di giovedì, il giorno stesso della scomparsa.

Il ritrovamento Il corpo era stato individuato dall'elicottero dei Vigili del Fuoco venerdì mattina, riverso sul campo (di proprietà della famiglia), in località fonte San Paolo, poche centinaia di metri fuori da Spedino e dalla casa della madre, dove si era recata (con la vettura del fidanzato, ancora sotto sequestro, ritrovata aperta e senza chiavi), per ritirate del materiale per le pulizie domestiche e attrezzi per lavorare il legno. La macchina operativa per la ricerca dei dispersi si era immediatamente messa in moto giovedì mattina verso le ore 12, dopo la denuncia di scomparsa del fratello Nazzareno, con la sala mobile dei Vigili del Fuoco, che ha coordinato le ricerche, i carabinieri di Borgorose, il soccorso alpino, il Corpo Forestale e i volontari del Noe, sede di Borgorose, amici e parenti, con ricerche anche nella vicina Marsica e quel campo (tuttora piantonato dai carabinieri per evitare inquinamenti di prove) era già stato ispezionato, senza risultati.

Gli interrogativi E ancora: tra giovedì e venerdì è piovuto, ma i vestiti della donna sembra fossero asciutti. Dov'era dunque il corpo di Mariangela dal momento della scomparsa al momento del ritrovamento? E perché scegliere una morte così dolorosa, in una fase della vita piena di entusiasmo, come ristrutturare una casa per andare a vivere con il proprio compagno, dopo anni di rapporto affettivo e lavorativo? E se anche fosse così, perché farlo a circa 600 metri da casa? Qualcuno potrebbe averla costretta ad ingerire l'acido muriatico, stringendole il collo? Sono domande che cercano risposte. Non sarà facile, ma neanche impossibile, scoprire la verità e non resta che attendere i risultati ufficiali delle indagini. 

Ipotesi al vaglio La ragazza, sempre secondo gli inquirenti, prima di bere l'acido, avrebbe fatto almeno un altro tentativo auto-soffocandosi con una busta trovata, anch'essa, vicino al corpo. E si sarebbe ferita al collo tentando di togliersi la vita proprio in questo modo. Per la famiglia, invece, quelli potrebbero essere i segni di uno strangolamento depistato con l'acido. 

Persone ascoltate Una decina i testimoni sentiti dai carabinieri, ma anche da queste verifiche non sarebbero finora emersi sospetti. Tanto che gli stessi inquirenti avrebbero preso in considerazione altre piste da seguire ma che al momento rimangono nel più stretto riserbo delle indagini. Il mistero sulla morte di Mariangela Mancini si fa sempre più fitto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Weinstein, Claudia Cardinale: non dovevano andare in camera

Weinstein, Claudia Cardinale: non dovevano andare in camera

Roma, (askanews) - "Mi danno fastidio tutte queste cose, queste foto che sono uscite, perché sono andate nella stanza con lui? Non dovevano andarci": è il lapidario commento sul caso Weinstein dell'icona del cinema Claudia Cardinale, a margine della presentazione a Roma dello spettacolo "La strana coppia", che la vedrà a breve sul palco del Sistina (31 ottobre-12 novembre) assieme a Ottavia Fusco,...

 
Tra l'intimo e il sociale: Luisa Rabbia in Collezione Maramotti

Tra l'intimo e il sociale: Luisa Rabbia in Collezione Maramotti

Reggio Emilia (askanews) - La condizione umana, le relazioni tra le persone e con l'ambiente esterno. Il lavoro di Luisa Rabbia, artista piemontese della generazione dei quarantenni che da anni vive a Brooklyn, è spesso costruito intorno al segno e alle interconnessioni, grafiche e metaforiche, che questo crea e induce. Un'esperienza che viene intensificata dalla mostra antologica che la ...

 
Il passeggero 2.0 sarà sempre più connesso e protetto

Il passeggero 2.0 sarà sempre più connesso e protetto

Amburgo (askanews) - La rivoluzione digitale sta rapidamente cambiando il modo di viaggiare di tutti noi. Oggi il 97% dei passeggeri porta con sé uno smartphone o un tablet e lo usa in buona parte dell organizzazione del proprio viaggio; dalla ricerca della destinazione, all acquisto dei biglietti, fino all imbarco o per trovare il negozio che cerca. Non solo, se nel 2016 il 37% delle compagnie ...

 
"Un borghese piccolo piccolo", Dapporto: uno spaccato d'Italia

"Un borghese piccolo piccolo", Dapporto: uno spaccato d'Italia

Roma, (askanews) - Ha debuttato al Teatro Eliseo a Roma "Un borghese piccolo piccolo" (fino al 5 novembre), tratto dall'omonimo romanzo del 1976 di Vincenzo Cerami, con protagonista Massimo Dapporto, alias Giovanni Vivaldi, uomo di provincia che lavora al ministero con l'ossessione di sistemare il figlio Mario, anche e soprattutto tramite una scorciatoia, inguaribile vizio degli italiani. La sera ...

 
Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017

Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017

I grandi interpreti alla settima edizione del Rieti Guitar Festival

RIETI

I grandi interpreti alla settima edizione del Rieti Guitar Festival

Da giovedì 12 a domenica 15 torna il  Rieti Guitar Festival, giunto quest’anno alla settima edizione, come sempre grazie al costante impegno della Fondazione di ...

11.10.2017