meeting di greccio

RIETI

Da tutta Italia a Greccio per il meeting dei giovani della Diocesi reatina

01.01.2016

0

Si terrà dal 2 al 4 gennaio a Greccio, presso l'Oasi Gesù Bambino, nelle vicinanze del Santuario Francescano, il primo Meeting dei Giovani organizzato dalla Diocesi di Rieti. L'appuntamento è rivolto a tutti i giovani dai 18 ai 35 anni del territorio reatino che hanno voglia di riunirsi per un'esperienza residenziale di incontro, di confronto, di scambio perché, come ha detto papa Francesco “Il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello di fare qualcosa insieme, di costruire insieme, di fare progetti: non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buona volontà”. Uno il filo conduttore delle giornate: l'enciclica “Laudato Sì” di papa Francesco. Tre i temi che si articoleranno nel corso della giornate: cultura dello spreco e dello scarto; dispendio di sé ed impegno; la casa comune e la sua cura. Ogni giornata vedrà la presenza di testimoni del nostro tempo, con i quali i giovani dialogheranno: Michela Murgia e don Paolo Giulietti il 2 gennaio, Federica Angeli e Don Luigi Ciotti il 3 gennaio, Licia Colò e Simone Morandini il 4 gennaio. Dalle periferie del cuore e del mondo e al prendersi cura di noi stessi, degli altri e dell'ambiente, l'obiettivo è quello di essere protagonisti e agire contro quella cultura dello scarto e dello spreco che oggi, troppo spesso, colpisce i giovani. Le tre giornate sono così un'occasione concreta di esperienze, impegno e partecipazione.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...