Regione, soldi ai portaborse: l'ex consigliere Mario Perilli a rischio processo

RIETI

Regione, soldi ai portaborse: l'ex consigliere Mario Perilli a rischio processo

19.12.2015 - 08:24

0

Chiusa a Roma l'indagine nei confronti dei 14 consiglieri regionali del Pd della scorsa consigliatura. L'accusa contestata dal pm Pioletti è l'abuso di ufficio per "aver violato volutamente le norme per l'assunzione dei propri collaboratori causando un danno erariale alle casse della Regione Lazio di oltre un milione e mezzo di euro". Tra gli indagati ci sono l'ex presidente del pd in Regione Esterino Montino, l'ex tesoriere del Pd Mario Perilli, la sua segretaria Maria Assunta Turco e tutti i consiglieri regionali dell'epoca. Per tutti il rischio di andare a processo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

In diretta dall'Unicredit Pavillon di Milano, dove si tiene l'evento "Tempo di libri", Michele Bravi ha cantato per il pubblico del web show di Assante e Castaldo. Il giovane di Città di Castello, 22 anni, è il vincitore della settima edizione del talent "X Factor" e si è classificato quarto all'ultimo festival di Sanremo con il brano "Il diario degli errori"

 
A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

Milano (askanews) - La giornata elettorale francese si è conclusa con una manifestazione degenerata in scontri con la polizia, intorno a Place de la Republique, organizzata da antifascisti e anticapitalisti che sono scesi in piazza contro Marine Le Pen, ma anche contro Macron in una contestazione generale dei due candidati che hanno superato il primo turno, considerati rappresentanti di un potere ...

 
Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Parigi (askanews) - La Francia si presenta alle urne per l'elezione del nuovo presidente con l'incubo incombente del terrorismo islamista e nel segno dell'incertezza. Mentre il voto per il primo turno ha già avuto inizio all'estero, con St. Pierre e Miquelon che hanno dato il via alle elezioni alle 8 del mattino locali, precedendo Guyana e Antille, l'esito finale resta più che mai incerto. ...