stazione ferroviaria rieti

RIETI

"Stazione poco sicura", i pendolari si appellano al prefetto

05.12.2015 - 16:54

0

La stazione è poco sicura e di conseguenza non è possibile allestire una biglietteria automatica all’interno dei locali. Incredibile ma vero. A denunciare questa situazione è il Comitato dei Pendolari Reatini che da anni si sta battendo, tra l’altro, di dotare la stazione ferroviaria di una biglietteria automatica in grado di soddisfare le esigenze dei viaggiatori in ogni momento della giornata. E così, almeno per ora, sono cadute nel vuoto tutte le richieste avanzate a Trenitalia almeno fino a quando non verrà garantita la sicurezza nei locali della stazione. Da qui la decisione da parte dei pendolari reatini di rivolgersi direttamente al prefetto in quanto “ massimo rappresentante della sicurezza nella nostra Città. In questi giorni - spiegano dal Comitato - stiamo affrontando un delicato discorso con Trenitalia circa la necessità di avere, presso la Stazione di Rieti, una biglietteria automatica dove poter procedere all'acquisto dei biglietti per i treni locali, regionali, interregionali e nazionali. Trenitalia si è mostrata ben disposta ma esiste come detto un ostacolo importantissimo - almeno dal loro punto di vista non trascurabile -, inerente proprio la sicurezza dei locali. Ci è stato riferito che la Stazione di Rieti risulti altamente insicura e che non di rado siano avvenuti furti di materiale di proprietà di Trenitalia e pertanto l'azienda stessa non si sente di inserire una biglietteria automatica che potrebbe essere oggetto di manomissioni e furti del denaro contenuto all’interno”. Fin qui la versione fornita da Trenitalia che ha quindi deciso di interpellare il Comune sulla questione che però ha fatto sapere “che non è di loro competenza questo aspetto e non possono, pertanto, porre rimedio al problema sollevato”. Insomma, una situazione paradossale quanto assurda che il Comitato Pendolari vuole risolvere a beneficio degli utenti. L’ultima speranza è un intervento della prefettura. “Al prefetto - fa sapere il Comitato pendolari Reatini - abbiamo chiesto se fosse possibile avere un riscontro in tal senso riguardo la possibilità di rendere più sicuri i locali in questione attraverso, ad esempio, un maggior controllo delle forze dell'ordine o apponendo un sistema di telecamere per il controllo e garantendo la chiusura notturna dei locali di stazione dopo l'arrivo dell'ultimo treno, che dal 14 dicembre avverrà alle ore 22,15”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Economia

Gruppo Cap, Censi: "Progetto Idroscalo esperimento sociale, sportivo e culturale"

Il progetto di rilancio dell’Idroscalo di Milano, frutto della partnership tra Città metropolitana e Gruppo Cap, rappresenta un esperimento di natura sociale, sportiva e culturale per i molteplici aspetti che vengono affrontati nel piano e il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati. Ne è convinta Arianna Censi, vicesindaca della Città metropolitana di Milano, che spiega perché.

 
"Il Triplo di Zero" in concerto a Le Tre Porte

RIETI

"Il Triplo di Zero" in concerto a Le Tre Porte

Per "Tutta la nostra musica" Le Tre Porte ospiteranno IL TRIPLO DI ZERO + Jam session venerdì 25 maggio dalle ore 22.00 “Il TRIPLO DI ZERO” è un progetto che trae le basi ...

22.05.2018

Il trio “La caduta” in concerto al “Be'er Sheva” con il nuovo singolo “Terza categoria”

RIETI

Il trio “La caduta” in concerto al “Be'er Sheva” con il nuovo singolo “Terza categoria”

Duemila visualizzazioni su Youtube in 24 ore certificano la validità del “non c'è due senza tre”. Vale anche per “Terza Categoria”, il terzo singolo dei “La Caduta”, trio ...

18.05.2018

Al teatro comunale "Ripercussioni in concerto: un’esplosione di energia"

FORANO

Al teatro comunale "Ripercussioni in concerto: un’esplosione di energia"

Dopo il grande successo di pubblico dello scorso inverno e a pochi giorni dal sold out registrato all’Auditorium di San Cesareo, alle ore 21 di sabato 19 maggio, tornano ...

16.05.2018