polizia

RIETI

Smantellato traffico di droga tra Rieti e Roma, sette reatini in manette

0

La Squadra Mobile ha portato a conclusione l’operazione “Dragona” arrestando due persone C.A., del 1989 e T.M., del 1985, e denunciato in stato di libertà C.C., del 1982, resisi responsabili di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.  

L’indagine era iniziata nel 2013 grazie alla denuncia presentata da una madre “coraggio”, stanca di vedere il proprio figlio vittima della droga e dei suoi spacciatori che lo avevano ormai strangolato in una rete di continue minacce ed intimidazioni, volte al pagamento di alcune partite di stupefacenti.  

Gli investigatori della Squadra Mobile reatina, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica Lorenzo Francia hanno intrapreso una lunghissima attività di indagine, durata oltre sei mesi, individuando due distinti sodalizi criminali dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, che avevano basi operative nel capoluogo reatino ed importanti ramificazioni a Roma e che hanno visto coinvolti insospettabili reatini del ceto medio ed appartenenti alla criminalità romana. 

L’attività ha quindi disarticolato due importanti canali di approvvigionamento per il capoluogo reatino, il primo con base a Dragona ad Ostia ed il secondo nel quartiere romano del Pigneto, ove avevano sede i “grossisti” dello spaccio, i quali procuravano, per conto dei reatini, lo stupefacente che veniva successivamente trasportato, tagliato e ceduto a Rieti.

Complessivamente sono state arrestate 12 persone, 7 reatine e 5 romane, alcune delle quali già note alle Forze dell’Ordine e di denunciare in stato di libertà 22 persone, che dovranno rispondere, a vario titolo, davanti alle competenti Autorità Giudiziarie, del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...