Danno erariale al Comune, citato anche l'ex sindaco Cicchetti

RIETI

Danno erariale al Comune, citato anche l'ex sindaco Cicchetti

22.11.2015 - 13:37

0

Sono quattro, tra ex dirigenti e amministratori comunali, le persone convenute in giudizio, il l0 maggio prossimo, davanti ai magistrati della Corte dei Conti, per il procedimento teso ad accertare il presunto danno erariale derivato al Comune di Rieti e legato alle note indagini della guardia di finanza sulle consulenze esterne pagate dal Comune per il servizio di controllo di gestione dell’amministrazione.
Nella vicenda rimasero coinvolti, come si ricorderà, Antonio Preite, ex responsabile del settore finanziario, e i consulenti esterni Carlo Latini e Massimo Morelli, indagati in concorso per peculato e falso in atto pubblico. La posizione di un quarto indagato, l’ex direttore generale Giuseppe Morelli, è stata stralciata, ma il suo nome torna, insieme a quello di Preite, nella contestazione della Corte dei Conti per un presunto danno erariale, per diversi milioni di euro, prodotto nel 2011 da spese effettuate senza copertura.
Convenuti a giudizio a maggio prossimo, oltre a Giuseppe Morelli e Antonio Preite, sono anche Carlo Ciccaglioni e Antonio Cicchetti. Ciccaglioni, dirigente del Comune, venne sospeso nell’ottobre 2013 dall’incarico, accusato di peculato per essersi appropriato di circa 20.000 euro, somma derivante dalla vendita dei biglietti e dei gadget della mostra “Francesco il Santo”, allestita l’anno precedente. Ciccaglioni fu poi condannato nel 2014 a un anno e dieci mesi, pena scontata di un terzo grazie al rito abbreviato, con l’interdizione dai pubblici uffici per lo stesso tempo e al pagamento di una provvisionale di 20 mila euro al Comune. Chiamato a risarcire il presunto danno erariale anche l’ex primo cittadino Antonio Cicchetti.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Bologna (askanews) - Gli abbracci della sua famiglia e gli applausi di amici e colleghi hanno accolto l'arrivo di Gabriele Del Graned all'aeroporto di Bologna. Il giornalista è arrivato in mattinata in Italia dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche che quasi due settimane fa lo avevano fermato al confine con la Siria, trattenendolo senza un'imputazione precisa. Ad accogliere Del Grande ...

 
Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Bologna (askanews) - "Noi avevamo il compito di riportare a casa Gabriele, missione compiuta". Con queste parole il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha salutato il ritorno a casa di Gabriele Del Grande, accogliendolo all'aeroporto di Bologna, dove è atterrato dopo il suo rilascio da parte delle autorità turche. "Ringrazio il collega della Turchia e il governo turco perchè anche nei momenti ...

 
Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Parigi (askanews) - "Nè di destra nè di sinistra", ministro della Repubblica per due anni ma fuori dai giochi di partito, di ispirazione liberale in economia, di sinistra sulle questioni sociali. E' con questo profilo da outsider che Emmanuel Macron ha conquistato la Francia. La candidatura dell'ex ministro dell'economia nel governo Valls era stata sottovalutata: 39 anni, nessuna esperienza ...

 
Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Parigi (askanews) - Esattamente 15 anni dopo suo padre, Marine Le Pen è riuscita a riportare il Front national al centro della politica francese. Che il candidato del partito di estrema destra raccogliesse così tanti consensi da superare il primo turno non accadeva dal 2002, quando Jean Marie Le Pen arrivò al ballottaggio, che poi perse, con Jacques Chirac. La sconfitta al secondo turno contro ...