SICUREZZA STRADALE - MUNICIPALE INCONTRA STUDENTI

RIETI

Dai banchi di scuola alla strada: gli studenti progettisti della sicurezza stradale

17.11.2015

0

Sono già in fase di compilazione i questionati frutto della ripresa delle attività del programma di sensibilizzazione alla sicurezza stradale del progetto “Una Vita da Amare”. Il progetto, promosso dalla Polizia Municipale di Rieti, dall’Associazione Famigliari e Vittime della Strada (AFVS) e da Impresa Insieme ha coinvolto, due anni fa, le scuole Secondarie di Primo grado e ora, dopo un nuovo incontro tra i partner, si è sentita la necessità di ampliare questo coinvolgimento anche alle scuole Superiori e, in particolare, di renderli soggetti attivi nella “costruzione” della sicurezza stradale. Non un questionario per indagare le cattive abitudini dei ragazzi alla guida, ma per raccogliere le loro opinioni sul tema, comprendere il grado di conoscenza del tema e rendergli “progettisti della sicurezza stradale” facendo assumere loro un ruolo da protagonisti e quindi promotori di iniziative volte alla individuazione e segnalazione delle cause che provocano direttamente e indirettamente gli incidenti stradali. Il particolare fine sarà raggiunto attraverso l’impiego della metodologia della formazione-intervento.

Le dirigenti che hanno scelto di aderire al progetto, anche grazie all’entusiasmo con cui i docenti intervenuti al primo incontro del 30 settembre hanno relazionato sul progetto, sono: Paola Testa dell’IC Villa Reatina , Domenica Pedica dell’IC Angelo Maria Ricci e Carla felli dell’IC Minervini Sisti, Mariarita Pitoni dell’IIS Luigi di Savoia, Lidia Nobili dell’ISS Marco Terenzio Varrone e Alessandra Onofri dell’IPSSEOA Costaggini Alberghiero. 

All’incontro faranno seguito delle giornate di sensibilizzazione nelle scuole in cui interverranno anche il Comando e l’AFVS.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...