acqua

RIETI

Accordo Regione-Cam, torna l'acqua nel Cicolano

15.11.2015 - 13:48

0

La riduzione del flusso idrico decisa in questi giorni dal consorzio acquedotti stico marsicano, cominciava già a farsi sentire nelle case dei cittadini (sono coinvolti i comuni di Borgorose, Pescorocchiano, Fiamignano, Marcetelli, Nespolo, Pescorocchiano, Petrella Salto, Collalto, Collegiove e Camerata Nuova). I sindaci non sono stati a guardare, reclamando la soluzione di un annoso contenzioso economico fra la Regione Lazio e la Società marsicana, la comunità montana Salto Cicolano ha inviato una lettera di diffida contro l’annunciata minaccia di sospendere completamente il flusso idrico. Quello che il Cam chiede con fermezza, è il pagamento dell’intero debito della Regione Lazio (3 milioni e 800 mila euro) entro metà dicembre: solo questo può mettere la parola fine a una forma di ricatto, che da anni ricade sui cittadini e sui Comuni. Nella giornata di ieri, il comunicato che tutti aspettavano: “Come da accordi intercorsi con l’assessore della Regione Lazio Fabio Refrigeri ed in particolare, considerando l’impegno formale a versare la somma di 1 milione e 500 mila euro entro il 10 dicembre e di avviare un piano di rientro dell’intero debito concretamente entro la prossima settimana, questo gestore sta attivando le procedure di ripristino della normale erogazione delle risorse idriche verso i comuni del Cicolano” annuncia il Cam, che però scrive in lettera maiuscola la parola ‘formale’ e infatti conclude precisando che “in caso di variazioni rispetto agli accordi intercorsi nella giornata odierna si provvederà a comunicare tempestivamente a tutti le azioni poste in essere a tutela della società”. I comuni in questi anni si sono attivati per ricercare risorse economiche al fine di captare sorgenti proprie e intervenire sulle proprie reti idriche obsolete, in modo da ridurre la dipendenza dalla fornitura idrica marsicana, ma ci vogliono finanziamenti e tempo. Il sindaco di Borgorose Mariano Calisse ha mantenuto aggiornati i propri concittadini sul suo profilo Facebook, annunciando di aver attivato l’acquedotto di Prata e le ditte che trasportano acqua con le autobotti per fronteggiare l’emergenza ed è lo stesso Calisse a comunicare tempestivamente l’accordo di ieri mattina, con “un doveroso ringraziamento a Fabio Refrigeri  che ha prontamente recepito le nostre richieste intervenendo in maniera risolutiva. L'accordo raggiunto porrà fine a molti disservizi che ci sono stati in passato”. E speriamo che questa volta si possa veramente scrivere la parola fine.

UNa ulteriore conferma arriva dal consigliere regionale, Daniele Mitolo: "Come comunicato dai vertici di Cam e' stata ripristinata la distribuzione dell'acqua nei comuni del Cicolano che si erano visti ridurre l'erogazione a fronte di un contenzioso tra acquedotto e Regione Lazio che ora è stato risolto e che ha visto annunciare la ripresa della normalità dallo stesso Ad del consorzio. Nei prossimi giorni saranno regolarizzati i conti tra le parti per evitare che in futuro situazioni del genere possano ancora verificarsi a danno di cittadini e amministratori". 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

In diretta dall'Unicredit Pavillon di Milano, dove si tiene l'evento "Tempo di libri", Michele Bravi ha cantato per il pubblico del web show di Assante e Castaldo. Il giovane di Città di Castello, 22 anni, è il vincitore della settima edizione del talent "X Factor" e si è classificato quarto all'ultimo festival di Sanremo con il brano "Il diario degli errori"

 
A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

Milano (askanews) - La giornata elettorale francese si è conclusa con una manifestazione degenerata in scontri con la polizia, intorno a Place de la Republique, organizzata da antifascisti e anticapitalisti che sono scesi in piazza contro Marine Le Pen, ma anche contro Macron in una contestazione generale dei due candidati che hanno superato il primo turno, considerati rappresentanti di un potere ...

 
Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Parigi (askanews) - La Francia si presenta alle urne per l'elezione del nuovo presidente con l'incubo incombente del terrorismo islamista e nel segno dell'incertezza. Mentre il voto per il primo turno ha già avuto inizio all'estero, con St. Pierre e Miquelon che hanno dato il via alle elezioni alle 8 del mattino locali, precedendo Guyana e Antille, l'esito finale resta più che mai incerto. ...