rapina frasso

RIETI

Rapinarono l'ufficio postale di Frasso: arrestati i tre autori

13.11.2015

0

I carabinieri del Nucleo investigativo del reparto operativo di Rieti, in collaborazione con i militari del Comando provinciale di Roma e della Compagnia di Rieti, hanno arrestato su ordine tre romani, ritenuti responsabili di rapina aggravata in concorso.
Nella rete dei militari del reparto operativo di Rieti sono finiti F.O., classe 1955, residente a Roma, carrozziere,  S.E., classe 1950, residente a Roma, disoccupato e S.A. classe 1956, residente a Roma, di fatto domiciliato a Colle di Tora, disoccupato.
il provvedimento restrittivo scaturisce da una minuziosa attività di indagine, supportata da attività tecniche, svolta dai militari, iniziata a seguito della rapina ai danni dell'ufficio postale di Frasso Sabino, dell' agosto 2014.
In quell'occasione due dei tre soggetti, mentre l'ufficio postale era chiuso al pubblico, con all'interno i dipendenti, utilizzando un particolare arnese da scasso artigianale, si introducevano all'interno dell'ufficio brandendo un "fucile a canne mozze", poi rivelatosi finto, minacciavano i dipendenti e asportavano 42 mila euro circa che la direttrice stava introducendo all'interno del bancomat. I malviventi si davano poi alla fuga su un ciclomotore rubato che abbandonavano a poca distanza e dove il terzo complice li' attendeva alla guida di un'autovettura "pulita". L'indagine ha permesso di ricostruire tutti i movimenti della banda che si avvaleva di un modus operandi ormai collaudato e di identificare i succitati rapinatori, raccogliendo a carico degli stessi importanti indizi di colpevolezza che hanno consentito al sostituo procuratore della repubblica dott. Lorenzo Francia, che ha coordinato le indagini, di richiedere le misure restrittive e al Gip del tribunale di Rieti di emettere il provvedimento cautelare a carico dei tre.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...