Quadrifoglio annuncia licenziamenti. Il Comune replica: "Noi ai ricatti"

RIETI

Quadrifoglio annuncia licenziamenti. Il Comune replica: "Noi ai ricatti"

12.11.2015 - 13:44

0

Il Comune nel 2015 ha saldato alla Quadrifoglio oltre 2 milioni di euro e sta liquidando ulteriori due tranche per circa 1 milione. Questa la replica dell'Amministrazione Comunale all'ennesimo annuncio di licenziamento da parte della cooperativa di oltre 50 operatori, motivato dalla mancanza di pagamenti del Comune. Un atteggiamento “discutibile, se non proprio deplorevole” secondo l'Amministrazione Petrangeli “quello di utilizzare i lavoratori per fare leva contro” l'Ente che ribadisce, invece, di voler “onorare fino all'ultimo euro il debito che la vecchia gestione ha accumulato con la Quadrifoglio ma non è disponibile ad accettare alcuna forma di ricatto”. Il Comune, inoltre, sostiene che “gli unici che non si devono preoccupare sono i lavoratori, dal momento che svolgono servizi di pubblica utilità e dunque sono tutelati da una normativa e da un'Amministrazione che ha sempre dimostrato di difendere in ogni modo i livelli occupazionali. Il Comune si augura che la cooperativa non metta in atto comportamenti contrari alle leggi che tutelano i lavoratori e i servizi erogati dalla pubblica amministrazione e che intenda mantenere rapporti leali e collaborativi, al di là delle strategie aziendali che vorrà coltivare. I servizi non sono e non saranno mai in discussione così come i livelli occupazionali e gli interessi dei lavoratori e degli utenti”. Ennesima puntata, dunque, del braccio di ferro tra l'Ente e la Quadrifoglio che va avanti da anni e che ormai sembra ripetersi con uno spartito abbastanza noto. In attesa di capire la sorte dei 50 lavoratori si alza la voce dell’opposizione. “La cosa più grave in questo palleggiamento di responsabilità tra Comune e Cooperativa - afferma Andrea Sebastiani di 'Noi con Salvini' - è l'incertezza lavorativa degli operatori esposti al ricatto del licenziamento e il rischio concreto del blocco del servizio per l'utenza. L'ennesima dimostrazione di come vengono programmati e gestiti da questa Amministrazione servizi di primaria importanza”. Per Costini, invece, la “sinistra al governo dimostra l'assoluta mancanza di rispetto per la dignità dei lavoratori”. Per la consigliera di Fratelli d'Italia Cascioli “è l'evidente fallimento della riorganizzazione dei servizi”. Dalla maggioranza, infine, il consigliere Api, Simone Miccadei, ha fatto sapere di aver richiesto a Emanuele Donati una convocazione urgente della commissione lavoro "ma il presidente, molto cortesemente, mi ha fatto sapere che è necessario rimandare poiché incontrerà l'assessore Mariantoni solo venerdì”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Bologna (askanews) - Gli abbracci della sua famiglia e gli applausi di amici e colleghi hanno accolto l'arrivo di Gabriele Del Graned all'aeroporto di Bologna. Il giornalista è arrivato in mattinata in Italia dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche che quasi due settimane fa lo avevano fermato al confine con la Siria, trattenendolo senza un'imputazione precisa. Ad accogliere Del Grande ...

 
Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Bologna (askanews) - "Noi avevamo il compito di riportare a casa Gabriele, missione compiuta". Con queste parole il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha salutato il ritorno a casa di Gabriele Del Grande, accogliendolo all'aeroporto di Bologna, dove è atterrato dopo il suo rilascio da parte delle autorità turche. "Ringrazio il collega della Turchia e il governo turco perchè anche nei momenti ...

 
Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Parigi (askanews) - "Nè di destra nè di sinistra", ministro della Repubblica per due anni ma fuori dai giochi di partito, di ispirazione liberale in economia, di sinistra sulle questioni sociali. E' con questo profilo da outsider che Emmanuel Macron ha conquistato la Francia. La candidatura dell'ex ministro dell'economia nel governo Valls era stata sottovalutata: 39 anni, nessuna esperienza ...

 
Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Parigi (askanews) - Esattamente 15 anni dopo suo padre, Marine Le Pen è riuscita a riportare il Front national al centro della politica francese. Che il candidato del partito di estrema destra raccogliesse così tanti consensi da superare il primo turno non accadeva dal 2002, quando Jean Marie Le Pen arrivò al ballottaggio, che poi perse, con Jacques Chirac. La sconfitta al secondo turno contro ...