Cerca

Domenica 26 Febbraio 2017 | 17:46

RIETI

Risorse Sabine, i lavoratori di nuovo in pressing sulla Regione

risorse sabine

I 106 lavoratopri di Risorse Sabine tornano a farsi sentire. Ed in particolare il loro grido di aiuto si alza nuovamente all’indirizzo di politici e istituzioni locali ma anche alla Regione affinché “intervengano sulla vertenza”. Il loro silenzio è durato qualche settimana ma non hanno mai abbassato la guardia visto che hanno continuato ad avere contatti con i consiglieri regionali con i quali gli stessi lavoratori hanno richiesto un incontro urgente al presidente del consiglio regionale e ai capogruppo consiliari. Un pressing obbligato che arriva subito dopo l’approvazione della Legge sul riordino delle funzioni delle Province nella quale i lavoratori avevano chiesto l’inserimento di una norma che preveda la mobilità obbligatoria in altre società pubbliche della Regione dei dipendenti, per le società partecipate del Lazio in liquidazione proprio come nel caso di Risorse Sabine. 

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI E DELLA SABINA IN EDICOLA SABATO 31 OTTOBRE

Più letti oggi

il punto
del direttore