Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 10:01

RIETI

Caserma Verdirosi, Sossio Andreottola nuovo comandante alla Scuola Nbc

CASERMA VERDIROSI

Cambio ai vertici della scuola Nbc dove il generale Giancarlo Villa - in forza come comandante alla Verdirosi nell'ultimo triennio e destinato ora a fare il vice capo del IV reparto presso lo Stato Maggiore della Difesa - e' stato avvicendato dal parigrado Sossio Andreottola. A presenziare alla cerimonia le autorità religiose, civili e militari tra le quali il generale di Corpo d'Armata Giorgio Battisti (comandante per la formazione, specializzazione e dottrina dell'Esercito) che ha fatto prima un plauso all'uscente Villa per quanto fatto e un augurio, poi, a quanto dovrà fare Andreottola in una struttura che rimane fiore all'occhiello a livello internazionale e riferimento Nato per la formazione. Il polo interforze per la difesa Nbc resta infatti un punto fermo e tra le missioni riconosciute ci sono quella del dove specializzare nel settore Cbrn (Chimico Biologico Radiologico Nucleare) il personale delle Forze Armate e dei Corpi Armati dello Stato nonché dei dicasteri e delle organizzazioni civili coinvolte nella materia; elaborare direttive e procedure di impiego nonché fornire pareri e consulenze in campo Cbrn; promuovere ed ospitare convegni, seminari e conferenze tematiche finalizzate ad accrescere e mantenere viva ed aggiornata la sensibilità del Paese sulle problematiche connesse al rischio Cbrn; mantenere rapporti con Università ed enti scientifici per lo sviluppo di attività di insegnamento e di aggiornamento sulle tematiche Cbrn e partecipare con propri rappresentanti ai gruppi di lavoro Nato. Una rosa di compiti decisamente di spessore e altamente performante anche grazie alla professionalità raggiunta nella scuola e nelle sue appendici come quella dell'area addestrativa Nubich dove si trovano attrezzati diversi scenari per l'effettuazione realistica di attività pratiche di tipo chimico, biologico e radiologico. Un sistema complesso e in più occasioni aperto alla città dove l'impronta dell'uscente Villa e' stata importante e forse, anche per questo, il suo addio e' sembrato sofferto al punto che lo stesso ha parlato si di speranza, ma anche di rammarico. La sfida di terminare quanto iniziato passa ora al generale Andreottola che, curriculum alla mano (dalla formazione presso lo Stato Maggiore ai comandi avuti in Afghanistan), ha tutte le carte in regola per farlo a cominciare, magari, dall'avere quel riconoscimento tanto atteso come potrebbe essere la certificazione Nato per la Verdirosi

Più letti oggi

il punto
del direttore