Cerca

Martedì 28 Febbraio 2017 | 01:54

RIETI

Progetto Terminillo, "pace armata" e nessuna modifica in vista dell'incontro in Regione

progetto terminillo

Clima se non proprio idilliaco comunque abbastanza disteso ieri mattina in Provincia per il primo faccia a faccia tra tutti i protagonisti dell'auspicato rilancio del Terminillo, dopo le polemiche dei giorni scorsi e le dimissioni di Paolo Trancassini da presidente del Consorzio Smile. Dimissioni che tanto il sindaco di Micigliano, Emiliano Salvati, quanto il primo cittadino di Cantalice, Silvia Boccini, continuano a considerare "sospese", dicendosi pronti a riaccogliere il sindaco di Leonessa a patto però che si prosegua uniti come accaduto nei mesi scorsi. A vedere i risultati e gli stati d'animo all'uscita della riunione di ieri a Palazzo d'Oltre Velino sembra proprio che l'obiettivo sia condiviso e forse anche la strategia 'tecnica'. Meno, certamente, quella politica.  Una riunione che, a conti fatti, è servita più per stemperare gli animi che per iniziare ad individuare le soluzioni tecniche per approvare il progetto che "devono arrivare dalla Regione e non possono certo essere proposte da un territorio il cui compito, adesso, è dimostrare piena apertura al dialogo per fare in modo che per una volta a Rieti venga concessa un'occasione di rilancio". 

TUTTI I PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA VENERDI' 9 OTTOBRE

Più letti oggi

il punto
del direttore