Cerca

Domenica 26 Febbraio 2017 | 17:43

RIETI

"Ippoterapia problema irrisolto", scatta la protesta delle associazioni

ippoterapia - rieti

Scatta la mobilitazione. In particolare ad insorgere sono le associazioni di volontriato che operano a contatto con le persone svantaggiate. Tutte a sostenere l’associazione PartecipAzione nella sua battaglia. “Sindaco e assessore ai Servizi Sociali del Comune di Rieti non hanno ben gestito e soprattutto hanno sempre rimandato la soluzione del problema riguardante il progetto di “Ippoterapia ad elevata integrazione sociosanitaria” e ormai siamo costretti ad adire alle vie legali e contestualmente a scendere in piazza - fa sapere Mauro Rizzetto dall’associazione -. Rivendichiamo non solo il diritto di continuare l’esperienza in atto da oltre 10 anni, ma ancor di più il modello culturale, metodologico ed operativo che abbiamo costruito. Asl e Comune di Rieti stanno operando ignorando le filosofie portanti della Legge 328/2000 e le altre Leggi a tutela dell’infanzia e delle persone con disabilità, con particolare riferimento alla 18/2009. Appuntamento domani alle ore 11.30 a Porta d’Arci a Rieti”. In serata è arrivata la replica del Comune. “In merito all'incontro con le famiglie dei ragazzi utenti del servizio di Ippoterapia facciamo presente che all'incontro era presente oltre all'amministrazione comunale anche la Asl; la discussione ha teso a individuare i bisogni espressi dalle famiglie ed al tempo stesso i limiti intervenuti sia in termini normativi che finanziari. E' emersa la possibilità di sostenere le famiglie con forme alternative rispetto al bando d'affidamento annullato e che lascia libertà di scelta agli utenti, tra tutti gli attori erogatori del servizio di Ippoterapia, attraverso forme di sostegno indiretto che l'Ente potrebbe mettere a disposizione".

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA VENERDI' 9 OTTOBRE

Più letti oggi

il punto
del direttore