Cerca

Martedì 28 Febbraio 2017 | 01:54

RIETI

E' boom di furti in negozi e botteghe nel Reatino

tabaccheria il girasole rieti

Un furto ogni due giorni. Accade nel Reatino e a finire nel mirino dei ladri sono sempre più esercizi commerciali e botteghe artigianali. A lanciare l'allarme sicurezza nei negozi è Confartigianato Imprese Rieti che in collaborazione con l'Ufficio studi della Cgia ha elaborato i dati Ministero dell'Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Istat.
Un problema, quello della sicurezza, che ha coinvolto, loro malgrado, centinaia e centinaia di migliaia di attività commerciali e artigiane.
“Ovviamente - sottolinea Clara Odorici responsabile dell'Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Rieti - le attività più a rischio rimangono i distributori di carburante, le farmacie, gli esercizi pubblici (bar, ristoranti, sale giochi, etc.), le gioiellerie e le tabaccherie. L'installazione dei sistemi di videosorveglianza, delle inferriate, delle porte blindate, degli impianti di antifurto e il ricorso sempre più massiccio agli istituti di vigilanza hanno trasformato i nostri negozi in piccoli fortini - prosegue Clara Odorici - nonostante ciò, le statistiche ci dicono che le attività di prevenzione e di contrasto ai furti non sono sufficienti a scoraggiare i malintenzionati”.
E a preoccupare gli artigiani e i piccoli imprenditori c'è anche un altro aspetto.
“Nonostante la capillare ed encomiabile azione condotta sul territorio dalle forze dell'ordine - aggiunge Maurizio Aluffi, direttore di Confartigianato Imprese Rieti - il 77 per cento dei furti nei negozi rimane impunito. Un dato sconfortante che, purtroppo, ha contribuito a gettare nello sconforto molti operatori economici. In particolar modo quelli che hanno subito queste scorribande più di una volta”.
Se il numero dei negozi e delle botteghe svaligiate in rapporto agli abitanti è maggiore al Centro - Nord, la situazione si capovolge quando analizziamo la percentuale di delitti in cui l'autore non viene arrestato. Nel 2013 il dato medio nazionale è stato pari al 77 per cento. Nel Lazio la percentuale dei furti del quale non si è scoperto l'autore sta a quota 78,9%, ben 9.077 sul totale di 11.511 furti denunciati nel 2013. L'Ufficio Studi di Confartigianato ha ulteriormente approfondito il fenomeno e, grazie alla disponibilità della Prefettura di Rieti, è stato possibile quantificare il numero dei furti a danno di esercizi commerciali nella provincia di Rieti nell'anno 2014. Il tutto il territorio provinciale il numero dei furti è stato pari a 154. Solo a Rieti ne sono stati accertati 53.
“Questi dati - conclude Maurizio Aluffi - dimostrano come il fenomeno, anche nella nostra provincia, abbia raggiunto dati allarmanti. Parliamo di quasi un furto ogni due giorni. Aggiungiamo poi che questi sono i casi denunciati. Abbiamo però la sensazione che il problema abbia acquistato dimensioni ancora maggiori di quanto dicano i numeri ufficiali”.

Più letti oggi

il punto
del direttore