La Regione boccia il progetto del Terminillo: Trancassini: "Refrigeri si dimetta"

RIETI

Rieti Virtuosa sul Terminillo: "La legge non consente modifiche al progetto"

27.09.2015 - 21:49

0

Tra i due litiganti, il terzo gode. Mentre il presidente del Consorzio Smile, Paolo Trancassini, e i rappresentanti istituzionali del Pd, in primis Fabio Refrigeri ed Emanuela Pariboni, si confrontavano sulle soluzioni migliori per proseguire nell’iter del progetto “Terminillo Stazione Montana”, ad intervenire, annunciando la morte del progetto stesso, sono gli ambientalisti da sempre contrari a quel tipo di sviluppo. Per il tramite di Rieti Virtuosa, l’area contraria al progetto del Consorzio dei quattro Comuni del Terminillo – Rieti, Leonessa, Micigliano e Cantalice – fa sapere che non c’è nulla da fare e che ora Terminillo Stazione Montana “verrà rispedito al mittente”. Insomma, il progetto su cui migliaia di persone riponevano sogni di rilancio economico e turistico, a detta loro è morto e sepolto. “Secondo quanto sosteniamo da anni, un percorso alternativo moderno per uno sviluppo economico sostenibile del Terminillo è infatti sempre stato possibile ma non è stato mai percorso per manie di grandezza e per l'ansia di intervenire anche su aree vincolate, sperperando così fiumi di soldi pubblici in progettazioni – si legge in una nota di Rieti Virtuosa - Al contrario, se si fosse seguita una procedura di VAS (Valutazione ambientale strategica) che valutasse un Piano di interventi ben concertato con la Regione e il territorio (Piano che è, tra l'altro, il vero oggetto dello stanziamento di 26 milioni euro), oggi avremmo visto realizzati almeno gli impianti della Cardito nord, del Conetto, della Est e dell'arroccamento di Campostella senza compiere abusi edilizi; avremmo visto nascere il Parco e lavorato su progetti d'accoglienza turistica validi 365 giorni l'anno, avremmo cioè già cominciato a rivedere quell'indotto economico di cui tanto si parla da 20 anni”. 

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA LUNEDI' 28 SETTEMBRE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Bologna (askanews) - Gli abbracci della sua famiglia e gli applausi di amici e colleghi hanno accolto l'arrivo di Gabriele Del Graned all'aeroporto di Bologna. Il giornalista è arrivato in mattinata in Italia dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche che quasi due settimane fa lo avevano fermato al confine con la Siria, trattenendolo senza un'imputazione precisa. Ad accogliere Del Grande ...

 
Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Bologna (askanews) - "Noi avevamo il compito di riportare a casa Gabriele, missione compiuta". Con queste parole il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha salutato il ritorno a casa di Gabriele Del Grande, accogliendolo all'aeroporto di Bologna, dove è atterrato dopo il suo rilascio da parte delle autorità turche. "Ringrazio il collega della Turchia e il governo turco perchè anche nei momenti ...

 
Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Parigi (askanews) - "Nè di destra nè di sinistra", ministro della Repubblica per due anni ma fuori dai giochi di partito, di ispirazione liberale in economia, di sinistra sulle questioni sociali. E' con questo profilo da outsider che Emmanuel Macron ha conquistato la Francia. La candidatura dell'ex ministro dell'economia nel governo Valls era stata sottovalutata: 39 anni, nessuna esperienza ...

 
Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Parigi (askanews) - Esattamente 15 anni dopo suo padre, Marine Le Pen è riuscita a riportare il Front national al centro della politica francese. Che il candidato del partito di estrema destra raccogliesse così tanti consensi da superare il primo turno non accadeva dal 2002, quando Jean Marie Le Pen arrivò al ballottaggio, che poi perse, con Jacques Chirac. La sconfitta al secondo turno contro ...