Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 10:01

RIETI

La Regione boccia il progetto del Terminillo: Trancassini: "Refrigeri si dimetta"

La Regione boccia il progetto del Terminillo: Trancassini: "Refrigeri si dimetta"

Novità, polemiche e preoccupazioni per il progetto del Terminillo. Ieri è andato in scena in Provincia un nuovo faccia a faccia tra amministratori dei Comuni del Comprensorio - Leonessa, Cantalice, Micigliano e Rieti - tecnici e progettisti, per coordinare le azioni da mettere in campo in vista della prossima riunione in Regione Lazio in programma a fine mese. A creare nuovamente scompiglio è stata la conferma di quanto si sussurrava ormai da settimane e cioè che il parere mancante per l'ok finale - l'ormai famosa Vinca, Valutazione di Incidenza Ambientale - è in realtà negativo. La notizia, ovviamente, ha creato preoccupazione e agitazione per chi da anni lavora al progetto del Terminillo ma ha anche rinfocolato le polemiche con il sindaco di Leonessa, Paolo Trancassini, su tutte le furie appena appreso che tale parere sarebbe stato protocollato lo scorso 13 luglio, ben prima quindi della riunione di ferragosto al Terminillo e del più recente sit-in alla Regione Lazio dei leonessani. "Questo significa che a Rieti siamo stati tutti presi in giro a livelli inenarrabili - commenta il sindaco di Leonessa e presidente del Consorzio Smile - in questi mesi abbiamo ascoltato toni trionfalistici dei rappresentanti regionali e provinciali del Partito Democratico e invece oggi veniamo a scoprire che quel parere era negativo, mentre tutti gli altri, compresa la Sovrintendenza ai Beni culturali e Paesaggistici, avevano espresso parere positivo. Credo che dopo questa notizia molti debbano chiedere scusa e l'assessore all'ambiente regionale, Fabio Refrigeri, debba dimettersi perché o non sapeva niente, ed è grave, oppure sapeva e ci ha preso in giro, ed è altrettanto grave, considerando che è l'assessore di Rieti". 

TUTTI I PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA MERCOLEDI' 23 SETTEMBRE

Più letti oggi

il punto
del direttore