de lellis - posta pneumatica

RIETI

Al de'Lellis le provette corrono veloci con la "posta pneumatica"

15.09.2015

0

Attivato presso l’Ospedale de’ Lellis un dispositivo che trasferisce automaticamente i campioni si sangue,  dal Centro prelievi e dal Pronto Soccorso,  fino al Laboratorio Analisi. Un numero giornaliero considerevole  di provette che,  in precedenza,  venivano recapitate al Laboratorio dagli operatori,  a più riprese. L’automazione consente, da un lato, di non distogliere il personale dai propri compiti di reparto, spesso anche a contatto con i pazienti, e nel contempo riduce i tempi di arrivo delle provette al laboratorio: il sistema impiega infatti appena 15 secondi ad effettuare la consegna, garantendo la totale integrità delle provette,  mentre con il trasporto manuale il tempo minimo richiesto era di circa una quindici minuti e comportava numerosi “viaggi” del personale verso il Laboratorio, soprattutto per i prelievi effettuati al Pronto Soccorso, dove il flusso dei pazienti non è preordinato da un orario preciso. Una razionalizzazione che produce un aumento di efficienza e contemporaneamente,  un reale risparmio economico, nel medio termine, a fronte di un investimento contenuto.  Con l’attivazione del nuovo sistema di “posta”  il de’ Lellis si arricchisce di una ulteriore tecnologia; di un impianto imprescindibile per un ospedale moderno; qualificante per il Laboratorio analisi.  “Si tratta di uno strumento in grado di equiparare il meglio dell’offerta sanitaria regionale con la nostra Struttura – sottolinea il responsabile del Laboratorio analisi di Rieti dottor Stefano Venarubea –   che da fanalino di coda si è trasformata in uno dei punti di riferimento per i laboratori laziali”.  

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli