Bando Cup, operatori pronti a dare battaglia sul bando. Il 21 sciopero generale unitario

RIETI

Comitato operatori Cup Lazio: dal 28 settembre via allo sciopero ad oltranza

0

Il Comitato Lavoratori Cup Lazio prende atto dell’esito negativo dell’incontro tra le rappresentanze sindacali di Cgil Cisl e Uil e quelle dell’Amministrazione Regionale e conferma la propria adesione allo sciopero del 21 settembre prossimo e a quello ad oltranza a partire dal prossimo 28 settembre. "Nell’esortare tutti i lavoratori a prender parte all’astensione dal lavoro in difesa del proprio diritto al lavoro - si legge in una nota - il Comitato diffida la Regione Lazio, le Aziende Sanitarie e le imprese titolari dei servizi Cup che impiegano i lavoratori in lotta dall’intraprendere azioni antisindacali che dovessero limitare il loro diritto di sciopero e/o a provvedere a sostituzioni del personale in sciopero. L’azione di sciopero, a cui si giunge dopo aver tentato inutilmente un dialogo con la Regione Lazio, è giustificata dall’ottusa intransigenza di cinici amministratori pubblici che non intendono modificare di una virgola capitolato di gara. Restano quindi confermati dalla Pisana il taglio di circa il 20% delle ore rispetto all’attuale organico che produrrà secondo i nostri calcoli la perdita di circa 350 posti di lavoro, mentre si conferma che le imprese che partecipano al bando non avranno nessun obbligo, in caso di aggiudicazione dei lotti di gara, di riassumere il personale in servizio nei ruoli e nella retribuzione attuali".

AMPIO SERVIZIO SUL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA MERCOLEDI' 16 SETTEMBRE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...