Asl, avviata la riorganizzazione nel sistema di prenotazione delle prestazioni specialistiche

RIETI

Asl, liste d'attesa ridotte

14.09.2015 - 12:02

1

La gestione delle liste di attesa può trovare più facile soluzione se si individuano strumenti  e modi di collaborazione di tutti gli attori del sistema, sia quelli operanti sul versante prescrittivo,  sia quelli di tutela del cittadino. Presso la Asl di Rieti è in corso una graduale riorganizzazione nel sistema di prenotazione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali. Già attiva con ottimi risultati in altre regioni italiane, la riorganizzazione mira ad assicurare,  per le prestazioni ambulatoriali,  tempi certi per le diverse classi di priorità sulla base di quanto stabilito dal medico prescrittore, per assicurare le prestazioni in relazione alla gravità della malattia. Tale nuova organizzazione si basa sulla valutazione clinica che deve fare il medico che prescrive la prestazione e che deve riportare sulla ricetta la classe di priorità più appropriata alla patologia che il paziente manifesta  (anche sulla base di linee guida regionali). Ma cosa sono le classi di priorità?  Sono uno strumento per differenziare il tempo di accesso alle prestazioni, regolandolo in base al rischio per la salute, lo stato di sofferenza ecc.. Nell'impegnativa sono riportate quattro possibili classi di priorità che il medico curante può assegnare alla richiesta, a seconda di quanto precoce deve essere, a suo avviso, l'esecuzione della prestazione. Le classi di priorità sono indicate con alcune lettere maiuscole: U = Urgente, ovvero da garantire entro poche ore e quindi da riservare ai casi gravi in cui vi può essere un reale rischio per il paziente; B = Breve attesa, ovvero può aspettare fino ad un massimo di 10 giorni; D = Differita, per le prestazioni che possono attendere fino a 30 giorni (se si tratta di visite specialistiche) o fino a 60 giorni (per gli esami e le prestazioni strumentali); P = Programmabile, ovvero riferita a problemi che richiedono approfondimenti ma che non necessitano di risposta in tempi rapidi; queste prestazioni sono comunque da garantire entro un massimo di 180 giorni (sei mesi). E' il prescrittore che decide tra le 4 fasce di priorità presenti nel ricettario la fascia entro cui collocare la richiesta  sulla base delle necessità   cliniche presentate dal paziente. 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • misuratino

    14 Settembre 2015 - 19:07

    vorrei che fosse vero ma non ci credo. Ho prenotato una colonscopia nel dicembre 2014, se va bene la farò a dicembre 2015, è un controllo serio. Speriamo bene per il futuro ma sono pessimista. Grazie

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Il viaggio del Papa in Egitto, la prima giornata

Il viaggio del Papa in Egitto, la prima giornata

Roma, (askanews) - Papa Francesco è atterrato al Cairo, in Egitto, poco dopo le 14 del 28 aprile per il suo 18esimo viaggio apostolico internazionale. Nella sua prima giornata, Francesco ha incontrato il presidente egiziano al-Sisi a palazzo presidenziale. Subito dopo ha visitato l'università musulmana sunnita ad Al-Azhar, dove ha incontrato il grande imam Ahmad al-Tayyib, con il quale ha ...

 
Cento giorni di Donald Trump fra shock e bombe

Cento giorni di Donald Trump fra shock e bombe

Roma, 28 apr. (askanews) - Cento giorni di Donald Trump alla Casa Bianca fra shock e bombe. 20 gennaio 2017: il discorso del giuramento come in campagna elettorale "America First" 24 gennaio 2017. Primi ordini esecutivi. Tagli a ong che consentono l'aborto. Varo gasdotto Keystone XL 28 gennaio 2017. Stop all'immigrazione da 7 paesi. Stop ai rifugiati per 4 mesi Ma sarà bloccato dai giudici. 14 ...

 
Storie Di Vino: Giovanna Neri, quando l'azienda è femmina

Storie Di Vino: Giovanna Neri, quando l'azienda è femmina

Roma, (askanews) - Col di Lamo a Montalcino è un'azienda agricola "al femminile". Askanews ha incontrato al Vinitaly di Verona la proprietaria dell'azienda, Giovanna Neri, che assieme alla figlia Diletta e ad una agronoma donna, porta avanti l'azienda da 15 anni, e che ha parlato di bio e di qualità. "Col di Lamo è un'azienda femmina, l'agronoma è femmina, abbiamo soltanto un 'omone' che viene ...

 
Unagraco: dai commercialisti iniziative di sostegno alle start up

Unagraco: dai commercialisti iniziative di sostegno alle start up

Milano, (askanews) - L'esperienza professionale e il saper fare dei commercialisti e degli esperti contabili scendono in campo a sostegno delle settemila start up innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese. E' il contributo che i professionisti dell'Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili si impegnano a dare per il rilancio e lo sviluppo economico e ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...