I Revisori dei Conti al sindaco:

RIETI

I Revisori dei Conti al sindaco: "Comune a rischio default"

0

“Per l'anno venturo servono risorse aggiuntive pari a quattro, cinque milioni di euro”. A metterlo nero su bianco - in una lettera inviata lo scorso 21 agosto al sindaco Petrangeli, alla Giunta e ai vertici burocratici dell'Ente - è il presidente del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Rieti, Massimo Grazini, che avverte l'Ente sul fatto che “l'anno prossimo sarà necessario ridurre il numero e il costo dei servizi erogati” agendo, tra le altre cose, con l'aumento dell'onere dei servizi a domanda individuale (ad esempio gli asili nido), la riduzione della spesa dei servizi culturali, il blocco delle assunzioni, una migliore gestione dei beni immobili e la riduzione della spesa per i servizi sociali “per almeno un milione di euro”. Le indicazioni dei Revisori dei Conti, dunque, assomigliano molto ad un programma di governo e rischiano di provocare nuove turbolenze. Articolata e dettagliata la nota redatta da Grazini che affronta sia i problemi relativi al capitolo delle entrate quanto quelli delle uscite.
Entrate. Per i Revisori dei Conti sono "aumentati in modo esponenziale i crediti fiscali da riscuotere" a fronte delle quali l'azione di Equitalia potrebbe non risultare efficace poiché essa "poco si attiva alla riscossione dei ruoli dei Comuni". La "preoccupazione" dei Revisori deriva "non solo dai minori trasferimenti erariali, ma anche dal fatto che le entrate complessive nel 2016 non saranno in grado di garantire l'effettiva funzionalità dell'ente locale" per vari motivi tra cui "la riduzione dei permessi edificatori e minori proventi, la riduzione delle entrate delle multe e il minor gettito addizionale Irpef per effetto della crisi". Si arriva poi alla famigerata nuova tassa per il sottosuolo con Grazini che scrive i 2,5 milioni previsti per quest'anno possono servire a chiudere il bilancio ma saranno "serie le difficoltà a recuperare tali proventi, tenendo conto che le imprese interessate cercheranno di sottrarsi a tale adempimento economico". E anche per questo, i Revisori scrivono che "tale canone non è previsto dalle norme quale entrata per l'anno 2016. Conosciamo i costi certi e fissi per l'anno venturo, che necessita di una manovra suppletiva di nuove entrate o riduzione dei costi di 4/5 milioni".
Capitolo Uscite. "Troppi, di elevato ammontare e in continua formazione i debiti fuori bilancio che appesantiscono la gestione corrente e il suo futuro": così i Revisori dei Conti evidenziano un altro problema delle casse reatine, suggerendo poi di "trattare i debiti fuori bilancio in modo definitivo ed esaustivo, lasciando un margine sulle modalità di pagamento transatte con la controparte". Altro suggerimento è quello di "agire sui rappresentanti eletti dal Comune nelle partecipate e sui loro organi di controllo", ricordando infine che nel 2016 il Fondo crediti di dubbia esigibilità "sarà obbligatoriamente del 55% e questo costituisce un notevole aggravio". Insomma per i Revisori dei Conti, le difficoltà finanziarie del Comune sono sempre più evidenti.

ALTRI PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA OGGI VENERDI' 4 SETTEMBRE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...