Cerca

Lunedì 27 Febbraio 2017 | 09:53

RIETI

Città blindata e traffico rivoluzionato per l'arrivo del nuovo vescovo

domenico pompili

Città blindata e traffico rivoluzionato per l’arrivo sabato del nuovo vescovo di Rieti. Il Comune ieri ha ufficializzato tutte le misure che sono sate decise per la cerimonia d’arrivo di monsignor Domenico Pompili.
“Un’oculata gestione dell’evento, sotto il profilo della viabilità e della regolamentazione del traffico, comporta alcuni accorgimenti che dovranno essere adottati dai cittadini e dagli ospiti provenienti da altre località, come già ampiamente condiviso con le autorità civili ed ecclesiastiche”, fanno sapere da Palazzo di Città.
Fin dal mattino alcune strade del centro storico saranno interdette alla sosta, in particolare via Garibaldi dall’incrocio con largo Pitoni, via Roma, largo Alfani, largo Santa Barbara, via Terenzio Varrone dall’incrocio con via Pennina a piazza Mazzini, via Pennina. A partire dalle 15 il traffico sarà tassativamente interdetto in via Roma e via Garibaldi. A partire dalle 13, con partenza ogni 20 minuti, saranno attive le navette messe a disposizione dall’Asm con partenza da piazzale Leoni nei pressi del palazzetto e arrivo in piazza Vittorio Emanuele II.
Via don Giovanni Olivieri (già via Velinia), attualmente a doppio senso di marcia, sarà a senso unico in direzione di via Di Carlo, per consentire la sosta ai pullman e alle autovetture degli ospiti che da quell’area potranno usufruire gratuitamente del servizio navetta.
I parcheggi di largo Alfani e largo Santa Barbara saranno a disposizione delle autorità ecclesiastiche.
La prima celebrazione da vescovo è in programma domenica a mezzogiorno al Santuario di Greccio e monsignor Pompili ha scelto di circondarsi di giovani compresi quelli che arriveranno da Anagni-Alatri. I ragazzi reatini li incontreranno alle 10 sempre a Greccio, poi dopo la messa pranzo al sacco. La pro loco di Greccio ha offerto il suo aiuto e preparerà un piatto di pasta per tutti i presenti, mentre gli scout monteranno una grossa tenda in caso di tempo instabile.
L’incontro servirà anche per pianificare un percorso comune verso la Giornata mondiale della Gioventù Cracovia 2016.
Insomma, Rieti si prepara ad accogliere il suo nuovo vescovo con una cerimonia che in qualche modo “fermerà” la città. Monsignor Pompili dopo l’uscita pubblica a Greccio ne ha decisa un’altra all’ospedale de’ Lellis di Rieti.

Più letti oggi

il punto
del direttore