simone petrangeli

RIETI

Rete Civica avverte il sindaco: "Pronti a staccare la spina"

30.08.2015 - 15:54

0

Si sentono scricchiolii sempre più sinistri nell’impalcatura che sorregge l’amministrazione Petrangeli. I malumori tra il Pd e l’ala più radicale della Sinistra continuano ad essere d’attualità così come le liti ch a quanto pare adesso si consumano alla luce del sole. L’ultima delle quali, appunto, legata alla gestione degli asili nido di viale Maraini e Villa Reatina, aveva addirittura visto la giunta Petrangeli etichettare con il termine “ridicoli” i consiglieri comunali di maggioranza Daniele Maffei e Ilaria Barbante. Un insulto rimasto indigesto e che ha di fatto svincolato dalla maggioranza i due consiglieri adesso “liberi di votare solo e soltanto quei provvedimenti che riterremo opportuni per la città e saremo vigili nei confronti di tutto ciò che l'Amministrazione Comunale potrà porre in essere”.
Insomma, arrivederci e buonanotte ai suonatori. E gli effetti politici di quel “ridicoli” vergato sul comunicato stampa si cominciano a vedere a distanza di qualche ora.
A scendere in campo e ad “avvisare” il sindaco è Mario Pompei, coordinatore di Rete civica dei cittadini, in consiglio comunale rappresentata dal consigliere Daniele Maffei. “Esprimo il mio sostegno personale e politico alla battaglia che, da tempo, il nostro consigliere comunale di riferimento, Daniele Maffei, insieme ad altri colleghi d'Aula sta conducendo per migliorare l'attività amministrativa del capoluogo - fa sapere dichiara il coordinatore Led di Rieti, componente del Pd, Mario Pompei -, impegno tutto orientato avendo come faro la vicinanza ai cittadini nonostante i noti problemi economici e di contesto. Personalmente però, sono contrario all'accanimento terapeutico; ogni estate ci ritroviamo a parlare di temi che purtroppo questa amministrazione non riesce a mettere in campo. O si cambia marcia davvero questa volta o si stacca la spina: terze soluzioni non sono più possibili - tuona Pompei -. Rieti merita di ritrovare la forza per tornare ai tavoli regionali e nazionali, perché è solo lì che una certa dimensione di problemi può trovare soluzione. Senza forza e autorevolezza a livello locale - conclude Mario Pompei, coordinatore di Rete Civica dei cittadini - non potrà mai esserci attenzione e non saremo mai considerati affidabili, come territorio, da qualsiasi livello superiore di governo”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Genova, (askanews) - "So che non si cancellano facilmente mesi di polemiche e vedo anche elementi di strumentalità e contraddittorietà nella posizione di Mdp, però se si vogliono fare dei passi avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno. Il bicchiere mezzo pieno ieri è stata l'apertura di Speranza e il fatto che Renzi ha detto 'discutiamo'. Partiamo da questo bicchiere mezzo pieno". Lo ha ...

 
Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Los Angeles (askanews) - Hollywood sempre più nella bufera. Dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ormai ex produttore Harvey Weinstein a seguito dei racconti di molte attrici sulle molestie sessuali e i presunti stupri compiuti dal mogul cinematografico, ora tocca al 72enne sceneggiatore e regista statunitense James Toback. Trentotto donne lo hanno accusato, secondo quanto riferisce il "Los Angeles ...

 
Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Roma, (askanews) - Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell'habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale. Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell'habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al ...

 
Alfano: Mediterraneo deve essere un mare che unisce

Alfano: Mediterraneo deve essere un mare che unisce

Palermo, (askanews) - "Il mediterraneo deve essere un mare che unisce e non un mare che divide. E si può realizzare pace e sicurezza anche attraverso la cultura". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a Palermo, alla conferenza "Italia, culture, Mediterraneo", organizzata alla vigilia della Conferenza Mediterranea dell'Osce. Presenti il capo della diplomazia di Tunisi, Khemaies Jhinaoui, ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017