provincia di rieti

RIETI

De Santis (FplUil): "Provincia, sospetti sulla lista del personale da trasferire alla Regione"

19.08.2015

0

Con il passare delle settimane sale la tensione tra i dipendenti della Provincia di Rieti. “Le note vicende sul riordino delle Province, da oltre un anno stanno mettendo a dura prova la tranquillità del personale per l'incertezza del proprio futuro, ma anche minando la lucidità della classe dirigente” fa sapere il segretario della Uilfpl, Valter De Santis. “Negli ultimi periodi sono state tenute alcune riunioni per parlare a vuoto stante la mancanza di una legge regionale che stabilisca le competenze - continua il sindacalista -. Nonostante ciò, da parte della dirigenza, si è vista una frenesia ad individuare solo ed esclusivamente il personale da trasferire alla Regione e non a trovare una soluzione che riguardi tutti i dipendenti come richiesto dalle organizzazioni sindacali. E' la dimostrazione - continua Valter De Santis - che da una parte vi è una fretta spasmodica di individuare solo il personale da far transitare alla Regione Lazio e per contro non si forniscono criteri per individuarlo, a parte quello che da anni svolge le attività assegnate o delegate dalla Regione Lazio. Prendiamo nette distanze dall'accaduto per sottolineare come una siffatta informazione è una "provocazione" che non aiuta: ingenera confusione, malcontento e sospetti tra il personale dipendente. Alla luce di quanto evidenziato - conclude Valter De Santis della Uilfpl - di azzerare la delegazione trattante di parte pubblica e di nominarne una nuova avendo accortezza di inserire dirigenti non direttamente interessati a possibili ingressi alla Regione Lazio”.

AMPIO SERVIZIO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA GIOVEDI' 20 AGOSTO

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli