La diocesi il 5 settembre abbraccerà il nuovo Vescovo Pompili

RIETI

La diocesi il 5 settembre abbraccerà il nuovo Vescovo Pompili

15.08.2015

0


Sarà il 5 settembre il giorno centrale dei festeggiamenti per l’ordinazione e la presa di possesso della cattedra del vescovato della diocesi di Rieti di monsignor Domenico Pompili, ma la macchina dei preparativi è già da tempo in movimento. A descrivere il frutto di questa intensa attività sono stati Massimo Casciani, portavoce del vescovo, Emanuele Chiarinelli, presidente della Consulta diocesana delle Aggregazioni Laicali, referente dell’organizzazione pratica dell’evento, e Matteo Buzzi, incaricato della parte tecnica e della sicurezza, ieri mattina, in conferenza stampa a Palazzo Vescovile, alla presenza del vescovo uscente Delio Lucarelli. “Quello che la diocesi di Rieti si prepara a vivere – ha detto Casciani – è un evento straordinario. E’ la prima volta che, dopo i Patti Lateranensi, un vescovo viene ordinato a Rieti e prende possesso della cattedra. L’ultima volta era stata 90 anni fa, il 19 marzo del 1925, quando monsignor Massimo Rinaldi ricevette il suo ministero. Si tratta di un evento importante sia dal punto di vista religioso, ma non meno per la portata sociale dell’evento, un evento che, proprio per la sua straordinarietà, vedrà giungere a Rieti centinaia di fedeli”. “Il doppio evento – ha aggiunto don Fabrizio Borrelli – interesserà due comunità: quella di Anagni e Alatri, da dove monsignor Pompili arriva e quella di Rieti. Sarà importante far vivere l’atmosfera di festa e saper accogliere tutte e due le comunità con pari dignità”. Il fulcro dell’evento sarà la cattedrale, ma il lungo cerimoniale, che prenderà il via alle 15.30 e terminerà intorno alle 19, coinvolgerà l’intera città. Il programma prevede l’arrivo di monsignor Pompili alle 15.30 a Porta Romana; da lì monsignor Pompili si muoverà verso piazza Vittorio Emanuele, dove sarà accolto dal sindaco Simone Petrangeli. Il corteo entrerà poi in Prefettura dove si avrà l’incontro con tutti i vescovi e la vestizione. Dalla Prefettura la processione si sposterà verso la cattedrale per l’inizio della liturgia. Per permettere ai fedeli di assistere alla cerimonia e a tutti i suggestivi passaggi previsti saranno montati 2 maxi schermi, uno in piazza Cesare Battisti e uno nella basilica di San Domenico. Per facilitare gli spostamenti prevista un’area sosta per i bus da dove l’Asm effettuerà un servizio navetta presso i luoghi di raccolta. Massime anche le misure di sicurezza, come spiegato da Buzzi. “Pensare alla sicurezza nei luoghi di culto - ha spiegato l’ingegnere – è stata una bella sfida. Un ringraziamento particolare va fatto alla Prefettura e ai Vigili del Fuoco per la sensibilità dimostrata. Grazie anche al Comune (rappresentato ieri dal vicesindaco Emanuela Pariboni, ndr) e a tutti i volontari che si sono messi a disposizione”.

PERSONALITA' ANNUNCIATE 
Saranno presenti anche numerosi autorità di spicco del mondo ecclesiastico e della comunità civile a Rieti, il 5 settembre, in occasione dell’ordinazione a vescovo di monsignor Domenico Pompili e della sua presa di possesso della Cattedrale. A spiccare su tutte è stata l’adesione del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana e vice presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee, che presiederà l’ordinazione; già confermati, poi, tra gli altri, Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana e Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze. Tra le personalità civili l’onorevole Marini e l’ambasciatore d’Italia in Santa Sede.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...