Cerca

Lunedì 16 Gennaio 2017 | 11:39

RIETI

Rifiuti, Gerbino: "Saprodir, il sindaco accetti l'invito della Provincia"

raccolta rifiuti

“Invito caldamente il sindaco di Rieti a prendere in considerazione e poi accettare l'offerta avanzata dalla Provincia in merito alla possibilità di prendere le quote azionarie di Saprodir”. È quanto dichiara, a poche ore dalla nota del presidente di Palazzo d'Oltre Velino Giuseppe Rinaldi, il consigliere comunale, nonché ex presidente di Asm, Luigi Gerbino. Una valutazione, la sua, che prende forma con l'avanzare del lavoro della società provinciale dei rifiuti in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato che ha di fatto ribaltato le dinamiche locali in materia di raccolta e smaltimento. Alla base del ragionamento “una logica pratica che porta a pensare come nel territorio potrebbe crearsi un dualismo che rischia di complicare il sistema dove il Comune di Rieti, decisamente consistente per quantità percentuale di rifiuti ridotti, avrebbe tutte le convenienze a partecipare nella nuova società”. Sul fronte opposto rimane invece Asm con l'impianto di Casapenta dove chi ci lavora potrebbe morire di solitudine se si pensa che Saprodir potrebbe decidere di optare per un'impiantistica di smaltimento propria o comunque diversa da quella della partecipata. Il rischio, a questo punto, e' che Asm possa iniziare sensibilmente a perdere il passo sul fronte delle convenienze e quindi delle economie considerando poi che sarebbe minoritaria rispetto alla concorrente e che ha dei costi di gestione decisamente alti. I lavoratori, a cominciare dagli amministrativi, sono molti e hanno un peso specifico nelle maglie di un Bilancio che dovrà sicuramente essere rivisto nel dettaglio a causa della novità Saprodir che potrebbe compromettere una parte consistente del lavoro svolto da Asm. Motivo per cui, proprio la Provincia, ha ribadito all'ente la disponibilità a cedere le quote “con l'obiettivo di dare maggiore forza ad un'operazione all'avanguardia che garantirà una gestione integrata del ciclo dei rifiuti più economica ed efficiente”.

Più letti oggi

il punto
del direttore