Gala, il dg Calvetti:

RIETI

Gala, il dg Calvetti: "Solsonica eccellenza italiana"

08.08.2015

0

Lavoratori Solsonica in movimento dopo il recente botta e risposta avuto con la dirigenza di Gala sulla partita aperta nel sito di Rieti. Da una parte, infatti, i dipendenti che aspettano e che chiedono tempi certi e immediati per la riapertura delle linee di produzione, dall'altra, invece, la proprietà che pur non avendo gradito l'ultimatum mandatogli con il rischio di annullamento dell'accordo sindacale ha rinnovato le proprie intenzioni di ripresa. Nella giornata di oggi i lavoratori e le Rsu dovrebbero tornare ad incontrarsi per decidere il da farsi, ma intanto le parti sociali fanno sapere che da parte dell'azienda sarebbe stato più gradito un contatto diretto con loro piuttosto che una nota stampa in risposta alle perplessità palesate. Intanto in una intervista rilasciata al mensile Specchio Economico dal direttore generale di Gala Luca Calvetti si parla di Eems e Solsonica."La corsa agli incentivi ha provocato sovraccapacità e una volta chiuso il rubinetto degli incentivi gravi problemi a molte aziende del settore. Ciò non toglie che Solsonica rimanga un'eccellenza italiana, con un prodotto di qualità riconosciuto a livello internazionale, e che le attuali tecnologie del fotovoltaico, ben più efficienti ed economiche di quelle del passato, accoppiate a quelle dell'accumulo di energia, consentano di produrre e consumare energia in modo più sostenibile, consapevole ed economico. Noi di Gala ci crediamo".

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA OGGI SABATO 8 AGOSTO

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...