carabinieri

FORANO

Muore a causa di un malore ma i compagni lo scaricano nel parcheggio

07.08.2015

0

E’ stato risolto in poche ore il “giallo” dell’uomo morto rinvenuto nella tarda serata di giovedì nel parcheggio della Conad vicino Gavignano. Si tratta di un manovale polacco che, secondo gli accertamenti portati a termine dai carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto, sarebbe stato scaricato da alcuni colleghi di lavoro, probabilmente già privo di vita, dopo che è stato colto da un malore improvviso. Il polacco, secondo la ricostruzione, si trovava in auto con altri tre connazionali. Avevano appena terminato di lavorare a Casperia e stavano percorrendo prima la Ternana poi la Lambruschina. L’uomo di 40 anni a quel punto avrebbe accusato un malore. Ma i suoi colleghi, invece di soccorrerlo, chiamare il 118 oppure portarlo in un Pronto Soccorso hanno pensato bene di abbandonarlo nel parcheggio della Conad. E’ stato ritrovato, già morto, solo qualche ora più tardi. I carabinieri sono risaliti ai suoi compagni, che a quanto pare abitano a Pomezia, solo visionando i filmati delle telecamere di controllo. I tre avrebbero ammesso l’omissione di soccorso e avrebbero detto ai carabinieri di aver avuto paura. Sono stati denunciati a piede libero per omissione di soccorso

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli