Parete di fiori, il Comune: "La multa? Tutto nasce dai litigi tra vicini"

RIETI

Parete di fiori, il Comune: "La multa? Tutto nasce dai litigi tra vicini"

0

Sulla vicenda relativa all'inquilino multato per aver abbellito con i fiori la parete esterna di casa, è intervenuto il Comune di Rieti che in una nota spiega che "la spiacevole vicenda della multa inflitta in via Pellicceria è la conseguenza dei continui litigi fra due vicini di casa. La Polizia municipale è intervenuta, perciò, a seguito dei continui esposti arrivati da due residenti dello stesso stabile. L'uno ha denunciato il fatto che la vicina, tenendo il bucato permanentemente steso, causava uno sgocciolamento continuo, mentre l'altra ha denunciato che il vicino aveva contravvenuto al regolamento edilizio installando un telaio metallico fisso e ancorato al muro per esporre i fiori. Si precisa che l'attività sanzionatoria è di competenza esclusiva del Corpo della Polizia Municipale che ha inteso applicare norme e regolamenti vigenti e nel particolare il Regolamento di Polizia urbana e il Regolamento edilizio. Nel caso specifico il sindaco non era assolutamente a conoscenza dell'attività sanzionatoria e conferma l'apprezzamento per l'attività di abbellimento di via Pellicceria al pari di altre vie cittadine come dimostra la recente iniziativa del concorso "Balconi in fiore". Tuttavia - conclude la nota el Comune - il sindaco è sconcertato dalla circostanza che litigi tra vicini possano sfociare in accadimenti del genere e che la Polizia municipale venga sollecitata a intervenire per fatti inerenti i rapporti umani di vicinato piuttosto che per significative irregolarità amministrative".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...