Cerca

Lunedì 16 Gennaio 2017 | 11:44

RIETI

Indagine della Finanza di Catania, nei guai i vertici della "TerniRieti"

Indagine della Finanza di Catania, nei guai i vertici della "TerniRieti"

Come già anticipato dal Corriere di Rieti nell'edizione in edicola ieri, domenica 12 luglio, oltre 4,5 milioni di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Catania a Orazio Bosco Lo Giudice. L’imprenditore, amministratore unico della Ita Cta srl, avrebbe incassato, senza averne diritto, 4.525.857 euro erogati dal ministero delle Attività produttive nel’ambito del patto territoriale delle Aci per favorire lo sviluppo economico e occupazionale di aree depresse. Il progetto finanziato prevedeva l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature per lavori di ingegneria edile, da sistemare in una struttura logistica a ridosso delle terme di Acireale. Le indagini hanno invece consentito di accertare che l'attività dichiarata non è mai stata svolta, né è stata mai realizzata l'unità produttiva prevista dal progetto con conseguente danno per l'economia locale. La società avrebbe direttamente destinato e in qualche caso noleggiato i beni strumentali ad altre società del gruppo attive nell'esecuzione di opere pubbliche, fra cui la "TerniRieti" (amministratore all’epoca era Concetto Albino Bosco Lo Giudice), impegnata in appalti per la costruzione di opere stradali e ferroviarie al confine tra Lazio e Umbria.

Più letti oggi

il punto
del direttore