Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 05:48

RIETI

Sgominata a L'Aquila banda delle slot-machine. Colpi anche nel Reatino

Sgominata a L'Aquila banda delle slot-machine. Colpi anche nel Reatino

In esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di L’Aquila sono stati 3 cittadini romeni: Marius Lucian Vlasie e Catalin Marian Caruceru, rispettivamente di 28 e 27 anni, entrambi residenti a Velletri (Roma), e Alexandru Daniel Novac, 26enne domiciliato a Roma. La banda, composta anche da altri 2 connazionali, destinatari anch’essi della medesima misura, nel frattempo rientrati in patria, per i quali saranno attivati i canali dedicati per arrestarli. La banda è accusata di aver messo a segno negli ultimi mesi numerosi colpi a Tabaccherie e self service contenenti banconote. Le indagini, condotte dal Norm della Compagnia Carabinieri di L’Aquila, avviate subito dopo il furto commesso ai danni del Bar ”Il Circuito” di L’Aquila nel mese di aprile 2015, in cui era stata sottratta dalle slot machine la somma complessiva di circa 10.500 euro, hanno consentito di far luce su una ventina di colpi messi a segno in Capoluogo e nella vicina provincia di Rieti, in particolare a Petrella Salto, Borgorose e Torricella in Sabina negli ultimi 18 mesi. Sempre uguale la tecnica: disattivazione del sistema d’allarme e foro praticato sulla parete della rivendita di tabacchi presa di mira oppure taglio della colonnina self-service contenente le banconote con un frullino elettrico. In numerosi casi, per far funzionare gli utensili elettrici necessari per praticare le effrazioni, non esitavano ad allacciarsi abusivamente all’illuminazione pubblica. 

Più letti oggi

il punto
del direttore