progetto sprino

La presentazione del progetto Sprino

RIETI

Con il "Progetto Sprino" una marcia in più in Europa

22.05.2015

0

E’ stato presentato nella sala consiliare del Comune di Rieti il progetto Sprino (Saint-Pierre-Rieti-Nordhron), il Comitato Cittadino per i gemellaggi e l’Ufficio Fondi Europei del Comune. Nella sala consiliare del Comune erano presenti gli artefici di questa progetto con il sindaco Simone Petrangeli che ha tenuto a sottolineare la bontà dell’iniziativa e soprattutto l’esito positivo del progetto (finanziato dalla Commissione Europea con 20 mila euro) presentato dal Comune che lo ha visto classificarsi al sesto posto su 144 progetti vincitori in risposta al bando “Città gemellate 2015” del Programma europeo “Europa per i cittadini” e finalizzato a promuovere impegno democratico e partecipazione civica consentirà di sviluppare molte iniziative. In particolare l’obiettivo è quello di ampliare il progetto culturale e di scambio tra Rieti con i suoi cittadini e due delle città gemellate: Saint-Pierre (Francia) e Nordhron (Germania) e la collaborazione di Cna e istituto Rosatelli. Il Comitato cittadino gemellaggi è composto da 25 cittadini che hanno presentato al Comune una regolare domanda di partecipazione e sei consiglieri comunali. Per il Comitato non c’è tempo per la gloria visto che già sarà chiamato ad accogliere a breve in città una novantina di tedeschi provenienti dalla città di Nordhorn in visita a Rieti e alle bellezze del suo territorio. Tra i temi centrali che verranno affrontati c’è il lavoro, con incontri previsti a ottobre.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...