Cerca

Venerdì 24 Febbraio 2017 | 20:26

RIETI

La polizia fa festa e ricorda i suoi caduti

festa della polizia

In occasione del 163° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato, presso il Cimitero comunale, il questore di Rieti Gualtiero D’Andrea, alla presenza del vice prefetto vicario reggente di Rieti Paolo Grieco, di rappresentanze del personale dipendente e dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, ha deposto una corona di alloro presso la stele eretta in ricordo dei Caduti della Polizia di Stato. Successivamente presso la sala “Filippo Palieri” della Questura si è svolta la cerimonia per la Festa della Polizia, alla presenza delle massime autorità civili, politiche e religiose della provincia e con la partecipazione di rappresentanze del personale della Polizia di Stato in servizio negli uffici dislocati in tutta la provincia di Rieti, dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato e dei loro familiari. Durante la cerimonia sono stati letti i messaggi inviati dal presidente della Repubblica, dal Ministro dell’Interno e dal Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. Come ogni anno, sono stati premiati con onorificenze e ricompense i dipendenti della Polizia di Stato che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio.

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO
SOVRINTENDENTE PACIFICI GIANCARLO ALLA QUALIFICA DI SOVRINTENDENTE CAPO con la seguente motivazione: “EVIDENZIANDO ALTISSIMA PROFESSIONALITA’. GENEROSO ALTRUISMO E SPREZZO DEL PERICOLO, INTERVENIVA, UNITAMENTE AD ALTRO PERSONALE, IN SOCCORSO DI UNA GIOVANE CHE AVEVA TENTATO DI SUICIDARSI, GETTANDOSI IN UN FIUME; NELLA CIRCOSTANZA, L’OPERATORE SI TUFFAVA NELLE TURBOLENTI ACQUE, RIUSCENDO AD AFFERRARLA E A TRARLA IN SALVO. CHIARO ESEMPIO DI ECCEZIONALE DEDIZIONE E CORAGGIO. RIETI, 1° NOVEMBRE 2013”.

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO
ASSISTENTE CAPO MANCINI MASSIMILIANO ALLA QUALIFICA DI VICE SOVRINTENDENTE con la seguente motivazione: “EVIDENZIANDO ALTO SENSO DEL DOVERE, ECCEZIONALE OPERATIVITA’ E SPREZZO DEL PERICOLO, INTERVENIVA, LIBERO DAL SERVIZIO, DURANTE UN’AGGRESSIONE, NEL CORSO DEL QUALE UN UOMO, ARMATO DI COLTELLO, AVEVA ATTINTO IL RIVALE DUE VOLTE, PER POI DARSI ALLA FUGA. L’OPERATORE PRONTAMENTE SI PONEVA ALL’INSEGUIMENTO DELL’ASSALITORE CHE VENIVA RAGGIUNTO E, DOPO UNA VIOLENTA E PERICOLOSA COLLUTTAZIONE, TRATTO IN ARRESTO. CHIARO ESEMPIO DI DEDIZIONE E CORAGGIO. TUSCANIA (VT), 17 DICEMBRE 2012”.

ENCOMI SOLENNI

ISPETTORE CAPO ROSATI CESARE; SOVRINTENDENTE DI MUZIO PAOLO

ENCOMI 

ASSISTENTE CAPO GIOVANNELLI MARCELLO;
ASSISTENTE CAPO SCHIFANI ALESSANDRO;
ASSISTENTE CAPO STOCCHI CRISTIAN.

Con la seguente motivazione: “EVIDENZIANDO ELEVATE CAPACITA’ PROFESSIONALI, ACUME INVESTIGATIVO E NON COMUNE DETERMINAZIONE OPERATIVA, COLLABORAVA ED ESPLETAVANO UNA COMPLESSA OPERAZIONE DI POLIZIA GIUDIZIARIA CHE SI CONCLUDEVA CON LA DISARTICOLAZIONE DI UN SODALIZIO CRIMINALE FINALIZZATO AL TRAFFICO DI SOSTANZE STUPEFACENTI ED AL RICICLAGGIO DI DENARO. RIETI , 24 OTTOBRE 2013.”.

PAROLE DI LODE
SOSTITUTO COMMISSARIO GAGLIARDI ROMEO;
ASSISTENTE CAPO DI GREGORIO MARINO;
ASSISTENTE CAPO CORTESI ANTONELLA.

Con la seguente motivazione: “DANDO PROVA DI LODEVOLE SAGACIA INVESTIGATIVA E AMMIREVOLE SPIRITO DI INIZIATIVA COORDINAVA E PARTECIPAVANO AD INDAGINI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CHE CONSENTIVANO DI ASSICURARE ALLA GIUSTIZIA UN CITTADINO MACEDONE, RESPONSABILE DI UXORICIDIO. RIETI , 27 FEBBRAIO 2013.”


PAROLE DI LODE
ISPETTORE CAPO ROSATI CESARE;
SOVRINTENDENTE DI MUZIO PAOLO;
ASSISTENTE CAPO GIOVANNELLI MARCELLO;
ASSISTENTE CAPO SCHIFANI ALESSANDRO;
ASSISTENTE CAPO STOCCHI CRISTIAN.

Con la seguente motivazione: “PER L’IMPEGNO PROFUSO NEL COORDINARE ED ESPLETARE UNA COMPLESSA INDAGINE CHE CONSENTIVA DI SGOMINARE UN PERICOLOSO SODALIZIO CRIMINALE, DEDITO ALLA DETENZIONE E ALLO SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI DEL TIPO MARIJUANA, EROINA, OPPIO E MDMA. RIETI , 27 MARZO 2013.”


PAROLE DI LODE
16) ISPETTORE CAPO SABETTA COSTANTINO;
17) SOVRINTENDENTE CRICCHI MASSIMILIANO;
18) ASSISTENTE CAPO NOBILI PIERLUIGI;
19) ASSISTENTE CAPO ZILIANTI LORENZO;
20) ASSISTENTE CAPO D’AMELIA WILLIAM.

Con la seguente motivazione: “EVIDENZIANDO LODEVOLI CAPACITA’ PROFESSIONALI ED INTUITO INVESTIGATIVO, RACCOGLIEVANO LE PRIME INFORMAZIONI RIVELATESI UTILI ED INDISPENSABILI ALL’EVOLVERSI DELL’INDAGINE E SI IMPEGNAVANO LODEVOLMENTE NELLA STESSA CHE SI CONCLUDEVA CON L’ARRESTO DI DUE PERSONE RESPONSABILI IN CONCORSO TRA LORO DI TENTATA RAPINA AGGRAVATA IN DANNO DI UN UFFICIO POSTALE. VAZIA (RI), 3 GIUGNO 2013.”


PAROLE DI LODE
21) ASSISTENTE CAPO TETI GIANLUCA;
22) ASSISTENTE CAPO FORNARI STEFANO.

Con la seguente motivazione: “IN SERVIZIO DI VIGILANZA AUTOSTRADALE RIUSCIVANO AD INDIVIDUARE NELL’IMMEDIATEZZA DEI FATTI TRE CITTADINI ALBANESI RESISI RESPONSABILI DI RAPINA AGGRAVATA IN ABITAZIONE. PROCEDEVANO AL FERMO DEI SOGGETTI DANDO PROVA, NELLA CIRCOSTANZA, DI DETERMINAZIONE OPERATIVA E IMPEGNO LAVORATIVO. A/1 ALTEZZA FIANO ROMANO (RM), 23 SETTEMBRE 2011.”


PAROLE DI LODE
23) ASSISTENTE CAPO ANGELA PELLEGRINI;
24) ASSISTENTE CAPO FORNARI STEFANO.

Con la seguente motivazione: “CON PROFESSIONALITA’ E SENSO DEL DOVERE PORTAVANO A TERMINE UN INTERVENTO DI SOCCORSO PUBBLICO A FAVORE DI UN UOMO CON INTENTI SUICIDI. CONTIGLIANO (RI), 15 OTTOBRE 2013".

Più letti oggi

il punto
del direttore