Cerca

Martedì 17 Gennaio 2017 | 14:07

RIETI

Capi di abbigliamento taroccati sequestrati dalla Finanza: nei guai due cinesi

guardia di finanza di rieti

Pantaloni sportivi, pantacollant e bleu jeans, tutti rigorosamente taroccati nella loro composizione tessile. E’ questa una delle ultime frontiere della contraffazione che tende oramai a coinvolgere non solo capi ed accessori di alta moda, ma anche prodotti destinati al largo consumo e senza alcun particolare marchio di pregio. Nel corso di un piano operativo di interventi volti alla tutela del consumatore finale, ai militari della Compagnia Guardia di Finanza di Rieti erano venuti dei dubbi su alcuni pantaloni, posti in vendita presso un esercizio commerciale gestito da un cittadino di nazionalità cinese. I capi, infatti, da un primo speditivo esame lasciavano presupporre una mancata corrispondenza tra quanto riportato nelle etichette “100% cotone“ e la reale composizione degli stessi. Essendo prodotti che vanno a diretto contatto con la pelle, i finanzieri hanno ritenuto opportuno inviarne alcuni campioni ai Laboratori della Camera di Commercio al fine di accertarne la qualità. Dalle analisi merceologiche ne scaturiva una composizione molto diversa da quella riportata sulle etichette, risultando un “misto cotone con il 36% poliestere”. Su ordine della Procura della Repubblica, sono successivamente state eseguite perquisizioni in vari punti vendita e di stoccaggio della merce, nonché in altri luoghi ove si deteneva la documentazione contabile ed extracontabile. I finanzieri hanno risalito l’intera filiera riuscendo a disarticolare la catena logistica, organizzativa e strutturale dell’organizzazione, individuandone così l’importatore ed il distributore per l’Italia. I capi posti sotto sequestro sono stati oltre mezzo milione, per un valore stimabile sul mercato di quasi nove milioni di euro. Due le persone denunciate, entrambi giovani di nazionalità cinese. 

Più letti oggi

il punto
del direttore