Il pullman azzurro della polizia stradale a "Rieti: Città Amica dei bambini"

RIETI

Il pullman azzurro della polizia stradale a "Rieti: Città Amica dei bambini"

16.05.2015

0

Tra le iniziative organizzate dal Comune nell’ambito di “Rieti: Città amica dei Bambini”, la Polizia Stradale ha deciso di concludere il percorso formativo del Progetto Icaro proprio partecipando all’evento dedicato ai ragazzi. Il Progetto Icaro è una campagna di sicurezza stradale nata nel 2001, promossa dalla Polizia Stradale insieme ai Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell'Istruzione e la Fondazione Ania, con il coordinamento scientifico del Dipartimento di Psicologia della Sapienza, Università di Roma e del Movimento Italiano Genitori (Moige) che, in quindici edizioni, ha coinvolto oltre 100.000 studenti di 161 città italiane. L'incidente stradale è la prima causa di morte per i giovani, in Italia come in Europa, e l'obiettivo del progetto è quello di far capire ai ragazzi che il rispetto delle regole è l'unica strada per tutelare la vita e la sana voglia di divertimento. L'incontro e il dialogo con le giovani generazioni diventano così strumenti fondamentali di prevenzione a patto che la comunicazione sia in linea con il loro linguaggio. E’ ormai una convinzione di tutti gli operatori del settore quella che, per elevare il livello di sicurezza sulle strade, occorra un cambiamento culturale promosso anche attraverso la comunicazione. Ecco perché, anche a Rieti, la Polizia Stradale è entrata nelle scuole per parlare di Sicurezza e quest’anno, con la 15° edizione del Progetto Icaro, per parlare della Sicurezza in bicicletta. Sono state coinvolte nel progetto alcune classi della scuola primaria e secondaria (Falcone Borsellino, Pascoli e dell’Istituto Comprensivo Antonio Malfatti di Contigliano).

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...