De'Lellis, a radioterapia arriva il "Delta4" donato dall'Alcli

RIETI

De'Lellis, a radioterapia arriva il "Delta4" donato dall'Alcli

0

Durante l’annuale Assemblea dei soci, è stato presentato un nuovo importante progetto a favore dei malati oncologici che sono da sempre i protagonisti di ogni azione di solidarietà svolta dall’Associazione con il contributo di tutti i cittadini che hanno reso possibile tante azioni concrete. L’Associazione dopo aver già donato con i proventi del 5x1000 importanti strumenti per la diagnostica e cura dei tumori, a diversi Reparti dell'Ospedale di Rieti, dall'Otorino alla Gastroenterologia, quest'anno ha impegnato la quota per l’acquisto di un altro importante apparecchio di ultima generazione che ha poi donato al Reparto di Radioterapia dell’Ospedale di Rieti. Si tratta del DELTA4, un nuovo sistema dosimetrico che diminuisce sensibilmente gli effetti collaterali delle radioterapie, consente una diminuzione di occupazione della sala Bunker per eseguire i controlli, e una diminuzione del tempo necessario per la verifica di ogni piano di cura. “Questo strumento è tra i più accurati sul mercato – spiega la Dott.ssa Roberta Nigro ai soci presenti nella sala riunione della Casa di Accoglienza – l’ALCLI ha sempre contribuito allo sviluppo tecnologico del polo oncologico e radioterapico dell’Ospedale di Rieti, facendo raggiungere oggi, con questa donazione del DELTA4, un ulteriore avanzamento tecnologico della Radioterapia, che si conferma all’avanguardia nazionale”.  Anche il primario della Radioterapia, il Prof. Mario Santarelli ribadisce che per i trattamenti, il DELTA4, ha un fascio di radiazione che si comporta come il bisturi di un chirurgo riuscendo a conformare con precisione millimetrica la dose di radiazione attorno alla malattia risparmiando contemporaneamente i tessuti sani che la circondano. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...