risorse sabine

RIETI

Risorse Sabine, consegnate le prime lettere di licenziamento

13.04.2015

0

Il dramma è compiuto. Ieri mattina alcuni dei 107 lavoratori di Risorse Sabine si sono visti recapitare le prime lettere di licenziamento. E così dopo la messa in liquidazione della società partecipata della Provincia per i lavoratori si sono spalancate le porte del definitivo licenziamento. Nessuna speranza di trovare, seppur in extremis una ciambella di salvataggio che potesse cambiare il loro destino e dopo anni e anni di lavoro si sono visti sbattere la porta in faccia e cancellare ogni speranza di poter affrontare con serenità il futuro prossimo. La rabbia è di nuovo esplosa tra quegli stessi lavoratori già seriamente segnati da una lunga ed estenuante verenza che, come abbiamo visto, non ha portato alla soluzione auspicata. A 20 dei 107 lavoratori le lettere di licenziamento non verranno consegnate. Infatti dovranno restare in servizio per altri tre mesi per portare a termine un appalto di 400mila euro riguardanti il comparto dei rifiuti. Poi anche per loro si spalancheranno le porte del licenziamento.

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI DI MARTEDI' 14 APRILE E NELL'EDIZIONE DIGITALE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...