risorse sabine

RIETI

Risorse Sabine, consegnate le prime lettere di licenziamento

13.04.2015 - 21:50

0

Il dramma è compiuto. Ieri mattina alcuni dei 107 lavoratori di Risorse Sabine si sono visti recapitare le prime lettere di licenziamento. E così dopo la messa in liquidazione della società partecipata della Provincia per i lavoratori si sono spalancate le porte del definitivo licenziamento. Nessuna speranza di trovare, seppur in extremis una ciambella di salvataggio che potesse cambiare il loro destino e dopo anni e anni di lavoro si sono visti sbattere la porta in faccia e cancellare ogni speranza di poter affrontare con serenità il futuro prossimo. La rabbia è di nuovo esplosa tra quegli stessi lavoratori già seriamente segnati da una lunga ed estenuante verenza che, come abbiamo visto, non ha portato alla soluzione auspicata. A 20 dei 107 lavoratori le lettere di licenziamento non verranno consegnate. Infatti dovranno restare in servizio per altri tre mesi per portare a termine un appalto di 400mila euro riguardanti il comparto dei rifiuti. Poi anche per loro si spalancheranno le porte del licenziamento.

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI DI MARTEDI' 14 APRILE E NELL'EDIZIONE DIGITALE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

Webnotte speciale, il diario d'amore di Michele Bravi

In diretta dall'Unicredit Pavillon di Milano, dove si tiene l'evento "Tempo di libri", Michele Bravi ha cantato per il pubblico del web show di Assante e Castaldo. Il giovane di Città di Castello, 22 anni, è il vincitore della settima edizione del talent "X Factor" e si è classificato quarto all'ultimo festival di Sanremo con il brano "Il diario degli errori"

 
A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

A Parigi scontri fra antifascisti e polizia dopo il voto

Milano (askanews) - La giornata elettorale francese si è conclusa con una manifestazione degenerata in scontri con la polizia, intorno a Place de la Republique, organizzata da antifascisti e anticapitalisti che sono scesi in piazza contro Marine Le Pen, ma anche contro Macron in una contestazione generale dei due candidati che hanno superato il primo turno, considerati rappresentanti di un potere ...

 
Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Parigi (askanews) - La Francia si presenta alle urne per l'elezione del nuovo presidente con l'incubo incombente del terrorismo islamista e nel segno dell'incertezza. Mentre il voto per il primo turno ha già avuto inizio all'estero, con St. Pierre e Miquelon che hanno dato il via alle elezioni alle 8 del mattino locali, precedendo Guyana e Antille, l'esito finale resta più che mai incerto. ...