teatro flavio vespasiano

RIETI

Centenario della Grande Guerra, primo evento il 16 aprile al Flavio Vespasiano

13.04.2015 - 13:26

0

Nel Centenario della Grande Guerra, l’assessorato alla Cultura del Comune di Rieti, considerando l’attualità di numerosi scenari internazionali nei quali ancora quotidianamente sono in corso conflitti sanguinosi e tragici, intende contribuire alla memoria della ricorrenza con un programma di iniziative teso alla crescita della coscienza collettiva delle drammatiche conseguenze delle soluzioni violente delle controversie, con particolare riferimento all’informazione ed alla formazione delle generazioni più giovani. Il primo appuntamento dal titolo “Parole e musica dall’Europa in guerra (1914-1918)”, in programma giovedì 16 aprile alle 17.30 al Teatro Flavio Vespasiano (ingresso gratuito), propone la testimonianza artistica di alcune tra le figure più eminenti della cultura internazionale, che sono state personalmente coinvolte, spesso restandone vittime o perdendo figli ed amici, nel conflitto, che ha inciso in misura profonda sulla nascita e sulla fisionomia dell’Europa di oggi. Saranno eseguiti: Le Tombeau de Couperin, suite per piano di Maurice Ravel, pianista Chiara Bianchetti con lettura di testi, a cura del Gruppo teatrale “Il Pipistrello”, di G. Duhamel, A. Achmatova, R. Musil, R. Graves, E. A. Mackintosh, E. M. Remarque, J. Dos Passos, R. Rolland, G. Apollinaire, R. Dehmel, L. Frank. La suite per piano intitolata “Le tombeau de Couperin” è stata concepita da Maurice Ravel (1875-1937) come omaggio al celebre virtuoso del clavicembalo François Couperin(1668-1733). L’autore, che per l’età e la fragile costituzione ha partecipato al conflitto come autista di ambulanze, l’ha composta negli anni 1914/17, dedicandola “alla memoria di alcuni amici caduti in guerra”. L’opera è stata eseguita per la prima volta l’11 aprile 1919 dalla pianista Marguerite Long, vedova di uno di loro. I testi letterari e poetici che si alternano ai sei movimenti della suite sono stati scelti per testimoniare l’universalità della catastrofe causata dal conflitto; sono stati spesso composti al fronte e sono comunque stati ispirati dalla drammatica e disumana realtà della guerra. Sono parole di scrittori e poeti, spesso famosi, dei diversi Paesi in conflitto: per alcuni le ultime composte prima di perdere la vita per le conseguenze di un’ancora oggi inspiegabile follia collettiva, che né la forza della ragione né le voci più alte della cultura e dell’arte sono state sufficienti a tenere lontana.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Roma, (askanews) - Presentato LUISS OPEN, primo research magazine nato per sviluppare la ricerca e la formazione, dando voce a docenti, studenti, top manager e influencers su argomenti di ampio respiro e su temi di stretta attualità, suscettibili di dibattito e di riflessioni aperte. In sintesi un innovativo aggregatore di idee, fonte di approfondimento scientifico a favore del pubblico esterno e ...

 
Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Londra (askanews) - Lei è Gina Miller, la donna che da sola combatte la Brexit e che ha lanciato "Best of Britain" un'iniziativa per promuovere la causa europeista nel corso della campagna elettorale delle elezioni legislative britanniche anticipate dell'8 giugno 2017. "Best of Britain - spiega - è nato un'ora esatta dopo l'annuncio delle elezioni dell'8 giugno da parte del Primo ministro, ...

 
A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

Roma, (askanews) - Per il sesto anno torna a Roma, al Laghetto dell'Eur, la manifestazione "Sport in famiglia", in programma fino al primo maggio, evento che si lega in particolare ai temi dell'integrazione sociale, del bullismo e dell'utilizzo dei social network in ambito sportivo. Un maxi evento, dove per nove giorni il parco e il laghetto dell'Eur diventeranno una palestra a cielo aperto, per ...

 
Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...