Cerca

Martedì 17 Gennaio 2017 | 11:50

RIETI

Schianto con l'auto, muore ex generale reatino

Schianto con l'auto, muore ex generale reatino

Giuseppe Faraglia

E' Giuseppe Faraglia, 62 anni, generale in pensione dell'Aviazione dell'Esercito, la vittima dell'incidente del pomeriggio di Pasquetta sulla superstrada Orte-Viterbo, all'altezza del km 63, poco dopo l'ingresso di strada Bagni, in direzione Vetralla. L'ex militare era alla guida della sua Bmw quando è finito contro il guard-rail, con ogni probabilità perché colto da malore. A nulla sono valsi i disperati tentativi di rianimarlo da parte degli operatori del 118, sul posto, e dei medici di turno del pronto soccorso di Belcolle. Sul luogo del tragico incidente sono intervenuti i carabinieri, per i rilievi di legge, una pattuglia della polizia stradale e i vigili del fuoco, per liberare il militare dalle lamiere contorte della sua auto.

LA CARRIERA Il colonnello Giuseppe Faraglia, uno dei "veterani" del Reggimento Antares nonché tra i piloti più esperti dell'Aviazione dell'Esercito Italiano, aveva assunto l'incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando Aves. Una carriera, quella del 62enne originario di Lisciano, piccolo paesino alle pendici del Terminillo in provincia di Rieti, iniziata nel 1972 con la frequenza al 154° corso dell'Accademia di Modena. Dopo la Scuola di Applicazione ha trascorso cinque anni presso la Brigata Garibaldi come Bersagliere in quel di Pordenone. Giuseppe Faraglia è stato dal 1981 e dal 1983 pilota operativo del Reggimento Antares, dove ha ricoperto molteplici incarichi tra i quali Comandante di Squadrone di volo, vice-Comandante e Comandante del 51° Gruppo Squadroni "Leone", ora 26° Reos. Nel 1994 è diventato Capo Ufficio Operazioni, mentre dal '98 al 2002 ha comandato il Primo Reggimento Antares. In questi ultimi anni è stato Capo Ufficio Validazione Operativa e Standardizzazione del Volo per tutta l'Aviazione dell'Esercito.

TUTTI I PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA MARTEDI' 7 APRILE E NELLA VERSIONE DIGITALE

Più letti oggi

il punto
del direttore