antonio preite

RIETI

Comune: Iva pagata in ritardo, Preite assolto dalla Corte dei Conti

27.03.2015 - 20:55

0

La Corte dei Conti ha assolto Antonio Preite dall'accusa di aver procurato un danno al Comune di Rieti per oltre 145 mila euro per omesso pagamento dell'Iva. Una notizia clamorosa se si pensa alle tante polemiche che hanno costellato gli ultimi anni della vita dell'Ente reatino. In sostanza i giudici hanno riconosciuto come veritiere le tesi difensive di Preite del suo legale Mariella Cari che, in sede di udienza, avevano fatto presente che a causa delle anticipazioni che il Comune aveva fatto per conto della Regione Lazio - circa dieci milioni di euro - e a causa dei crediti che lo Stato aveva nei confronti dell'Ente reatino, l'ex dirigente non aveva liquidità per ottemperare al pagamento dell'Iva e pertanto ha utilizzato le somme per pagare questioni più urgenti come, ad esempio, stipendi e servizi. Cade dunque l'accusa mossa dall'Ente nel 2012 verso Preite di aver preferito pagare altri e non l'Iva visto che "in realtà in quegli anni il Comune di Rieti - si legge nella sentenza della Corte dei Conti - si trovava in una situazione di grande deficit di liquidità. La grave situazione finanziaria si evidenzia nel rendiconto del 2011" e "in tale situazione si operava necessariamente attraverso il costante utilizzo di anticipazioni di tesoreria ed il ricorso all'utilizzo per cassa di risorse vincolate". La Corte, inoltre, "ritiene che tale assetto economico depone per l'insussistenza della colpa grave con riferimento alla condotta dannosa rimproverata all'odierno convenuto". Insomma, una sentenza che farà discutere anche alla luce del fatto che proprio Preite è uno dei dirigenti allontanati dal Comune di Rieti a seguito delle contestazioni mosse negli ultimi anni con il nuovo corso. Sulla vicenda è intervenuto anche l'amministrazione comunale che in una nota fa sapere " che la questione del ritardo nel pagamento dell'Iva nulla ha a che vedere con il licenziamento del dottor Antonio Preite. Tale provvedimento, infatti, si basa su deliberazioni della Corte dei Conti che attestavano gravi irregolarità contabili e su una serie di atti posti in essere dal dirigente che hanno portato alla integrazione della fattispecie della responsabilità dirigenziale ex art. 21 del decreto legislativo 165/2001. Il procedimento riguardante il pagamento dell'Iva, peraltro, è stato attivato direttamente dalla Corte dei Conti allorquando il Comune ha dovuto riconoscere il relativo debito fuori bilancio, perché l'Iva non solo non era stata pagata, ma neanche iscritta in bilancio".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo
Il caso

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo

Adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma e scritte contro gli ebrei in curva sud all'Olimpico. La procura della Federcalcio ha aperto un'inchiesta sul comportamento antisemita di alcuni tifosi della Lazio che durante la sfida contro il Cagliari avevano riempito il settore dello stadio normalmente occupato dagli ultrà romanisti dopo la squalifica della Nord. Gli adesivi sono stati rimossi in ...

 
Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Genova, (askanews) - "So che non si cancellano facilmente mesi di polemiche e vedo anche elementi di strumentalità e contraddittorietà nella posizione di Mdp, però se si vogliono fare dei passi avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno. Il bicchiere mezzo pieno ieri è stata l'apertura di Speranza e il fatto che Renzi ha detto 'discutiamo'. Partiamo da questo bicchiere mezzo pieno". Lo ha ...

 
Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Los Angeles (askanews) - Hollywood sempre più nella bufera. Dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ormai ex produttore Harvey Weinstein a seguito dei racconti di molte attrici sulle molestie sessuali e i presunti stupri compiuti dal mogul cinematografico, ora tocca al 72enne sceneggiatore e regista statunitense James Toback. Trentotto donne lo hanno accusato, secondo quanto riferisce il "Los Angeles ...

 
Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Roma, (askanews) - Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell'habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale. Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell'habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017