Gianni Letta a Villa Battistini

RIETI

Conservatorio, l'impegno di Gianni Letta per salvarlo

0

L’impegno a salvare la sede reatina del Conservatorio di Santa Cecilia. Così Gianni Letta, presidente della Fondazione Flavio Vespasiano al termine della sua breve ma intensa visita a Villa Battistini. L’ex segretario alla presidenza del Consiglio del governo Berlusconi su invito del sindaco di Rieti, Simone Petrangeli è giunto nel capoluogo per un incontro dedicato al futuro dell'importante presidio culturale. Oltre alle istituzioni locali erano presenti, il direttore amministrativo di Villa Battistini, Stefano Rossi, il direttore del Conservatorio di Santa Cecilia, Alfredo Santoloci, e i membri del consiglio di amministrazione della Fondazione Flavio Vespasiano. Gianni Letta ha visitato la struttura e al termine della visita il sindaco ha illustrato l’attuale situazione di difficoltà in cui versa la sede reatina del conservatorio. “Per garantire un futuro alla sede reatina - ha detto il sindaco Petrangeli - servono 250mila euro l’anno”. Gianni Letta nel riconoscere l’importanza di mantenere in piedi una entità così importante per il territorio si è impegnato affinché si trovino risorse ma soprattutto interessare direttamente al problema il Miur visto che Villa Battistini ospita la sede distaccata del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Si cercherà, inoltre, di aumentare il numero delle iscrizioni per autofinanziarsi ma anche coinvolgere i docenti e gli alunni del conservatorio nelle prossime attività musicali a cominciare dalla prossima edizione del Reate Festival.

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE IN EDICOLA VENERDI' 27 MARZO E NELLA VERSIONE DIGITALE

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...