"Nove ore di attesa al pronto soccorso tra dolori lancinanti"

RIETI

"Nove ore di attesa al pronto soccorso tra dolori lancinanti"

19.01.2015 - 11:33

0

Nove ore di attesa al Pronto Soccorso prima di essere visitata. E' l'ennesimo caso di tempi di lunga attesa che si sono verificati in questi giorni all'ospedale "De Lellis" di Rieti raccontato da una reatina che si è recata al pronto soccorso lamentando dei forti dolori addominali. La signora, che da più di dieci ore non riusciva ad urinare, giunta al pronto soccorso ha descritto al personale sanitario il malessere, ma ciò non è bastato per ottenere un codice diverso dal verde, quello cioè riservato ai casi meno gravi e che quindi, potenzialmente, vengono considerati tra quelli che “possono attendere”. L'accesso al Pronto soccorso è stato registrato alle ore 16 di pomeriggio e da lì l'agonia. Nonostante i dolori, nel corso delle nove ore di attesa, andassero aumentando, il personale medico avrebbe rifiutato di modificare il codice, da verde in giallo, spiegando che la prassi dell'assegnazione dei codici e delle sale non prevede la possibilità di modificare la diagnosi fatta al momento dell'accesso al Pronto soccorso. “Non riuscendo più a resistere per i forti dolori - racconta la donna - ho chiesto all'infermiera di poter essere visitata con una certa urgenza, ma niente. Ho fatto quindi notare all'infermiera che, mentre io aspettavo di essere visitata, molte persone arrivate dopo di me e sempre con il codice verde venivano chiamati per essere visitati. La stessa, quindi, mi ha spiegato che da qualche tempo è stata modificata la modalità di presa in carico dei pazienti e che non era più possibile cambiare né codice né sala alla quale si era stati affidati”. Una vicenda singolare soprattutto quando ci si trova di fronte alla sofferenza di una persona. A spiegare l'accaduto è stato il primario del Pronto Soccorso del De Lellis, il dottor Mancini: “Il sistema di accesso è in funzione dal marzo 2012. Esso si basa sull'affidare il singolo paziente al singolo medico. Questo rende più facile individuare eventuali responsabilità in ritardi non giustificati e responsabilizza il medico che è perfettamente a conoscenza della propria lista di attesa. Inoltre questo metodo permette una più equa ripartizione dei carichi di lavoro tra i professionisti. Se un dato medico si trova a dover affrontare un caso particolarmente complesso la sua lista può essere rallentata. In questo caso interviene il medico del reparto OBI - MUrg che cerca di ridurre la lista dei codici verdi nella lista 'rallentata'. E' evidente che se i casi di particolare complessità sono di numero elevato, l'attesa, per quelli ritenuti di complessità inferiore inevitabilmente si allungherà. E per questo ce ne scusiamo - conclude il dottor Mancini -. Da sottolineare però, che mai sarà a rischio l'incolumità della persona”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo
Il caso

Anna Frank con la maglia della Roma, tifosi laziali accusati di antisemitismo

Adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma e scritte contro gli ebrei in curva sud all'Olimpico. La procura della Federcalcio ha aperto un'inchiesta sul comportamento antisemita di alcuni tifosi della Lazio che durante la sfida contro il Cagliari avevano riempito il settore dello stadio normalmente occupato dagli ultrà romanisti dopo la squalifica della Nord. Gli adesivi sono stati rimossi in ...

 
Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Pd, Orlando: con Mdp partiamo dal bicchiere mezzo pieno

Genova, (askanews) - "So che non si cancellano facilmente mesi di polemiche e vedo anche elementi di strumentalità e contraddittorietà nella posizione di Mdp, però se si vogliono fare dei passi avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno. Il bicchiere mezzo pieno ieri è stata l'apertura di Speranza e il fatto che Renzi ha detto 'discutiamo'. Partiamo da questo bicchiere mezzo pieno". Lo ha ...

 
Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Sex scandal e Hollywood nella bufera: ora tocca a James Toback

Los Angeles (askanews) - Hollywood sempre più nella bufera. Dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ormai ex produttore Harvey Weinstein a seguito dei racconti di molte attrici sulle molestie sessuali e i presunti stupri compiuti dal mogul cinematografico, ora tocca al 72enne sceneggiatore e regista statunitense James Toback. Trentotto donne lo hanno accusato, secondo quanto riferisce il "Los Angeles ...

 
Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Le immagini inedite del Wwf: a rischio il leopardo delle nevi

Roma, (askanews) - Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell'habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale. Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell'habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017