"Nove ore di attesa al pronto soccorso tra dolori lancinanti"

RIETI

"Nove ore di attesa al pronto soccorso tra dolori lancinanti"

19.01.2015 - 11:33

0

Nove ore di attesa al Pronto Soccorso prima di essere visitata. E' l'ennesimo caso di tempi di lunga attesa che si sono verificati in questi giorni all'ospedale "De Lellis" di Rieti raccontato da una reatina che si è recata al pronto soccorso lamentando dei forti dolori addominali. La signora, che da più di dieci ore non riusciva ad urinare, giunta al pronto soccorso ha descritto al personale sanitario il malessere, ma ciò non è bastato per ottenere un codice diverso dal verde, quello cioè riservato ai casi meno gravi e che quindi, potenzialmente, vengono considerati tra quelli che “possono attendere”. L'accesso al Pronto soccorso è stato registrato alle ore 16 di pomeriggio e da lì l'agonia. Nonostante i dolori, nel corso delle nove ore di attesa, andassero aumentando, il personale medico avrebbe rifiutato di modificare il codice, da verde in giallo, spiegando che la prassi dell'assegnazione dei codici e delle sale non prevede la possibilità di modificare la diagnosi fatta al momento dell'accesso al Pronto soccorso. “Non riuscendo più a resistere per i forti dolori - racconta la donna - ho chiesto all'infermiera di poter essere visitata con una certa urgenza, ma niente. Ho fatto quindi notare all'infermiera che, mentre io aspettavo di essere visitata, molte persone arrivate dopo di me e sempre con il codice verde venivano chiamati per essere visitati. La stessa, quindi, mi ha spiegato che da qualche tempo è stata modificata la modalità di presa in carico dei pazienti e che non era più possibile cambiare né codice né sala alla quale si era stati affidati”. Una vicenda singolare soprattutto quando ci si trova di fronte alla sofferenza di una persona. A spiegare l'accaduto è stato il primario del Pronto Soccorso del De Lellis, il dottor Mancini: “Il sistema di accesso è in funzione dal marzo 2012. Esso si basa sull'affidare il singolo paziente al singolo medico. Questo rende più facile individuare eventuali responsabilità in ritardi non giustificati e responsabilizza il medico che è perfettamente a conoscenza della propria lista di attesa. Inoltre questo metodo permette una più equa ripartizione dei carichi di lavoro tra i professionisti. Se un dato medico si trova a dover affrontare un caso particolarmente complesso la sua lista può essere rallentata. In questo caso interviene il medico del reparto OBI - MUrg che cerca di ridurre la lista dei codici verdi nella lista 'rallentata'. E' evidente che se i casi di particolare complessità sono di numero elevato, l'attesa, per quelli ritenuti di complessità inferiore inevitabilmente si allungherà. E per questo ce ne scusiamo - conclude il dottor Mancini -. Da sottolineare però, che mai sarà a rischio l'incolumità della persona”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

domenica 21 solo messaggero Alzheimer, 'mini-scosse' al cervello migliora la memoria

La stimolazione magnetica transcranica potrebbe aiutare i pazienti affetti da malattia di Alzheimer a contrastare una delle conseguenze più caratteristiche e precoci della patologia: la perdita di memoria. Almeno secondo un gruppo di ricercatori della Fondazione Santa Lucia Irccs che ha rilevato un miglioramento del 20% della memoria in pazienti trattati con sedute di stimolazione del cervello ...

 
Altro

La nave da crociera più ecologica al mondo

Odiate dai veneziani, amate dai turisti, le navi da crociera fanno sempre discutere. Proprio per questo, una società giapponese, la Peace Boat, ha appena firmato un accordo con la finlandese Arctech per realizzare la nave più ecologica del mondo. La Ecoship, così si chiama, costerà attorno ai 500 milioni di dollari e trasporterà fino a 2 mila passeggeri in cento porti di tutto il mondo. Monterà ...

 
Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

RIETI

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

Arriva a Rieti, presso Sala dei Cordari, il Teatro Umbro dei Burattini con lo spettacolo "Pinocchio, Le Avventure di un sognatore" (Sabato 20 gennaio, Sala dei Cordari ore 15....

18.01.2018

Al teatro Flavio Vespasiano "Il berretto a sonagli" di Pirandello

RIETI

Al teatro Flavio Vespasiano "Il berretto a sonagli" di Pirandello

Matinée per le scuole e spettacolo serale per uno dei capolavori di Luigi Pirandello, “Il berretto a sonagli”, commedia, quella che andrà in scena al Flavio Vespasiano, ...

17.01.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018