Pendolari: "Pronti a fermare gli autobus Cotral sovraffollati"

RIETI

Pendolari: "Pronti a fermare gli autobus Cotral sovraffollati"

09.11.2014 - 17:46

0

Tra pendolari e Cotral si va allo scontro frontale. Niente più collaborazione così come fino ad oggi è stato. Il Comitato dei pendolari reatini ha infatti deciso di passare ai fatti in modo concreto e non più a limitarsi a segnalare i disagi ma, appunto, ad intervenire immediatamente. Come è accaduto nella giornata di venerdì quando l’autobus Cotral delle ore 15.10 partito dalla stazione Tiburtina già con quindici persone in piedi è stato costretto a interrompere la corsa perchè alcuni esponenti del Comitato pendolari, con l’aumentare delle persone in piedi nei pressi di Settebagni, hanno chiesto all’autista di fermare il bus in quanto “non sussistevano più le condizioni di sicurezza a causa del sovraffollamento (20 in piedi a fronte delle 14 consentite) di persone a bordo”. Una richiesta accolta dall’autista che ha fermato il bus lungo la Salaria. Da qui una serie di discussioni a bordo tra chi era seduto e protestava per la decisione di fermare l’autobus e gli altri in piedi che invece chiedevano il rispetto delle norme di sicurezza. E così, con i viaggiatori in “eccedenza” scesi e pericolosamente posizionati a bordo carreggiata in attesa del mezzo successivo o nella speranza di trovare un passaggio in macchina, gli esponenti del Comitato pendolari hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine che, però, tra un rimpallo di competenze e lo stato di allerta maltempo vigente nella capitale, non sono mai arrivate. “Questo è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi che ci vedono protagonisti in negativo - spiegano dal Comitato pendolari -. E’ giunto il momento di non essere più accomodanti e collaborativi con una azienda di trasporti come Cotral che non riesce a soddisfare le minime esigenze dei suoi viaggiatori, per questo motivo è giunto il momento di dire basta: quando si ripeteranno queste condizioni qualcuno del direttivo chiamerà la polizia stradale”. Poi la stoccata finale ai sindacati: “In tutta questa vicenda dove sono i sindacati? Non dovremmo essere noi a far fermare il pullman ma gli autisti stessi: fermare il bus quando non ci sono le condizioni per proseguire il viaggio è un loro obbligo e invece spesso si fa finta di niente pur di continuare la corsa. La sensazione è che invece la loro prima preoccupazione sia quella di proclamare solo gli scioperi”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella il primo presidente nel quartiere Librino di Catania

Mattarella il primo presidente nel quartiere Librino di Catania

Roma, (askanews) - La prima visita di un capo dello Stato nella difficile periferia di Catania. Sergio Mattarella ha visitato il quartiere popolare di Librino, partecipando all'inaugurazione di 13 lotti destinati a orti urbani, incontrando i vertici dell'associazione di Rugby, I Briganti, e intitolando la rotatoria alla memoria di Carlo Azeglio Ciampi. Presenti anche il presidente della Regione ...

 
Spazio, accordo tra Kari e Thales Alenia Space per Kompsat-7

Spazio, accordo tra Kari e Thales Alenia Space per Kompsat-7

Seul (askanews) - Tecnologia made in Italy per il satellite coreano Kompsat-7. Thales Alenia Space, joint venture tra Thales e Leonardo, ha siglato un nuovo contratto con il Kari, l'Istituto di Ricerca Aerospaziale Coreano, per la fornitura di un sistema di comunicazioni in banda X per il satellite numero 7 del programma Kompsat (Korea Multi-Purpose Satellite), che prevede un lancio nel 2021 con ...

 
Allarme Roger Waters: politica Occidente verso il pre-fascismo

Allarme Roger Waters: politica Occidente verso il pre-fascismo

Roma, (askanews) - "In questo caso particolare il mio nuovo disco che ho appena pubblicato 'Is this the life we really want?', no, questa non è la vita che vogliamo veramente, non vogliamo vivere in uno Stato di guerra perpetua del petrolio spendendo una larga parte, io vivo negli Stati uniti, dei dollari che pago per le tasse in quel paese per fare lobby per le bombe sulla gente nera di paesi ...

 
Roger Waters: preoccupato per giovani consumati dagli smartphone

Roger Waters: preoccupato per giovani consumati dagli smartphone

Roma, (askanews) - "Sono un po' preoccupato che i ragazzi di oggi, saranno così consumati guardando i loro Iphone o Samsung o cos'altro, cadranno nel precipizio e sarà la fine della razza umana": così Roger Waters, membro fondatore dei Pink Floyd, alla presentazione della mostra "The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains", dal 19 gennaio al Museo Macro di Via Nizza a Roma. "Quel po' che ne ...

 
Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018

Al teatro Flavio Vespasiano l'anteprima nazionale di "Mediterranea"

RIETI

Al teatro Flavio Vespasiano l'anteprima nazionale di "Mediterranea"

Torna la grande danza al teatro Flavio Vespasiano con l’anteprima nazionale di “Mediterranea”. Lo spettacolo è in programma mercoledì 10 gennaio alle 21.   “Mediterranea” ...

08.01.2018