michele cucuzza bianco e nero

L'assalto a Repubblica merita attenzione

08.12.2017 - 15:42

0

L’intimidazione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica a Roma, l’ultima di una serie di imprese dal piglio squadrista, merita (oltre alla solidarietà al giornale) una riflessione attenta. Ha ragione Claudio Lazzaro, il giornalista autore nel 2008 del documentario “Nazirock” che - intervistato da Rainews 24, ha suggerito di distinguere i caporioni che strumentalizzano, dai giovani che si lasciano irretire e ai quali bisognerebbe rivolgersi con parole convincenti. Ci proviamo anche noi, partendo dal dato che l’ignoranza, la scarsa conoscenza della storia la fanno certamente da padrona da quelle parti. Comprensibile, d’altronde, visto che viviamo - non è solo un paradosso - nella stagione in cui migliaia di persone si iscrivono alle pagine del web dove si sostiene che la terra è piatta e dove la tv che insegue il web intervista il valoroso astronauta Umberto Guidoni, costringendolo a dire: “l’ho vista con i miei occhi, è rotonda”. Plausibile che molti non sappiano bene cosa siano stati storicamente il fascismo e i regimi che gli si sono ispirati. Questa spiegazione tuttavia non basta. Pur nel gelatinoso richiamo a esperienze storiche portatrici di lutti, soprusi e rovine di cui sostanzialmente si conosce poco e nulla, c’è tra quei giovani anche qualcosa che non ha a che vedere con il passato, qualcosa di vagamente progettuale, di cui si è fatto esperienza allo stadio, in esaltate riunioni fatte di slogan e proclami, persino nelle irruzioni mediatiche di Roma e Como e cioè l’illusione che una “fede”, un’ideologia, un credo anche raccogliticcio e violento possa servire a dar vita a un mondo d’ordine cui approdare, diverso da quello complicato generato dalla globalizzazione e lontano dai guasti della corruzione, delle clientele, dell’esclusione, del vuoto di prospettive. Un bisogno di protagonismo autoritario, un po’ fisiologico (tipico dei giovani), parente dell’antipolitica, esasperato da un decennio di crisi, supportato da quel “rancore” di cui ormai è piena la società italiana (rapporto Istat). “Con gente come voi non vogliamo avere a che fare” diceva il figlio di un’amica, un ventenne che bazzica uno dei gruppi che sarebbe il caso di sciogliere al più presto, aggiungendo: “bisogna cambiare tutto, rimettere le cose a posto”. Già, cambiare tutto, rifondare l’uomo, come predicavano le ideologie totalitarie del ’900, ma chi se ne ricorda. L’incongruo è non solo il fatto che tutto questo afflato riparatore si concretizzi sostanzialmente nell’odio per l’immigrato, percepito - proprio come a suo tempo era capitato agli ebrei - come la causa, la sintesi, l’essenza dei problemi, ma anche il dato per cui, nell’epoca dell’egolatria da social, si avverta questo bisogno semireligioso di appartenenza a una missione (l’idea) che trascenda il sé. Il bisogno di ideologia (per quanto rattoppata) che si salda con l’angoscia dell’esclusione. Di sicuro non ha senso liquidare il tutto come un falso problema visto che non c’è nessun pericolo fascista alle porte. E’ evidente che lo stato è molto più forte e saldo di queste frange esagitate: si tratta invece di una questione etica e politica prima che di ordine pubblico. Dobbiamo abbandonare a se stessi questi giovani che non credono (più) nella democrazia, sottovalutandone motivazioni e prospettive? C’è da domandarsi piuttosto se in famiglia, a scuola, in tv, sui social riusciremo a intercettare e motivare con sentimenti diversi questi ragazzi: prima che sia tardi.
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Milano (askanews) - Rachel Maddow non ha retto all'emozione e si è messa a piangere in diretta tv. La popolare presentatrice americana della Msnbc è scoppiata in lacrime, incapace di portare avanti la trasmissione, durante la lettura delle notizia dei bambini separati dai genitori migranti al confine tra Messico e Stati Uniti. Il video è diventato virale in poche ore.

 
Economia

Borsa, Milano rifiata

La Borse europee rifiatano dopo il tonfo di ieri. Si fermano le vendite sui listini, dopo la reazione ai rapporti sempre più tesi tra Cina e Stati Uniti, e Milano segna +0,16%. Positive anche Londra, Madrid e Francoforte. Sul paniere di Piazza Affari, Ferragamo lascia sul terreno quasi il 9 per cento dopo che la holding di famiglia ha collocato sul mercato un pacchetto azionario. Sono di nuovo in ...

 
L'arte è un gioco: i campus estivi di Pirelli HangarBicocca

L'arte è un gioco: i campus estivi di Pirelli HangarBicocca

Milano (askanews) - Un gioco per permettere ai bambini di esplorare le tecniche e i linguaggi dell'arte, nonché le proprie capacità inventive ed espressive. Per il 2018 i campus estivi di Pirelli HangarBicocca a Milano sono stati progettati con l'artista Roberto Fassone che, ispirandosi alla mostra di Matt Mullican in corso nel museo, ha proposto ai piccoli una sfida creativa molto intrigante, ...

 
Tea Falco alla regia: la mia Sicilia e il senso della vita

Tea Falco alla regia: la mia Sicilia e il senso della vita

Roma, (askanews) - Adamo, Eva e la metafora di un dolce chiamato "Cannolo" come riassunto dell'universo. "Ceci n'est pas un cannolo" è l'opera prima di Tea Falco, l'attrice catanese di "Io e te" di Bernardo Bertolucci, delle serie tv "1992 e "1993", artista e soprattutto fotografa. Il suo primo documentario da regista è stato presentato al Biografilm Festival di Bologna e andrà in onda su Sky ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018