michele cucuzza bianco e nero

Prevenire gli attacchi in casa nostra

03.11.2017 - 12:43

0

Accrescere la consapevolezza dei poliziotti dell'importanza di cogliere quelle discontinuità, quelle anomalie, segnali, espressioni di ansia, paura, rabbia, che possono preannunciare un attentato o un'imminente aggressione”. Nei giorni della nuova inquietudine dopo la strage di Manhattan, la polizia di stato affina gli strumenti per prevenire possibili attacchi in casa nostra. E lo fa con il sostegno delle più aggiornate acquisizioni delle scienze cognitive, in particolare l'intelligenza emotiva, la capacità di intuire le emozioni che provano gli altri, basandosi su quell'attitudine appositamente coltivata nel riconoscere e valutare le nostre. Nulla a che vedere con l'elaborazione del profilo psicologico di un serial killer o di un criminale particolarmente efferato cui si dà la caccia, come ci viene raccontato in telefilm anche ben fatti come “Criminal minds”. Qui si tratta di prevenzione: di “fiutare l'aria” letteralmente, in mezzo alla folla, al via vai frettoloso, distratto, rilassato della gente che affolla un luogo pubblico per cogliere quegli elementi emotivi “in movimento improvviso” che possono precedere un attentato.
Introdotti meno di 30 anni fa dagli americani Peter Salovey e John D. Mayer che ne parlavano come “capacità di utilizzare sentimenti e emozioni propri e altrui per guidare i propri pensieri”, gli studi sull'intelligenza emotiva si sono diffusi anche in Italia a livello divulgativo, soprattutto grazie allo psicologo statunitense Daniel Goleman, che ne ha proposto una frequentazione utilitaristica: l'uso “corretto” delle proprie emozioni può costituire un fattore determinante nel raggiungimento dei propri successi personali e professionali. Non a caso i suoi libri hanno sottotitoli quali: “perché l'intelligenza emotiva può renderci felici”, “guidarci oltre la crisi” e pure “farci diventare leader”. Adesso invece gli obiettivi sono altri: “vedere più in profondità e più in fretta” spiega in un video diffuso anche su YouTube il capo della Direzione centrale anticrimine (Dac), prefetto Vittorio Rizzi, “passare senza perdere tempo dall'immediatezza dell'istinto alla consapevolezza dell'intelligenza può salvarci la vita e, soprattutto, salvare delle vite”.
A cosa dovranno fare caso in particolare gli agenti impiegati nell'antiterrorismo e che vengono addestrati secondo il nuovo progetto formativo?
“Il soggetto in preda allo stress” fa qualche esempio il criminologo e psichiatra Massimo Picozzi, autore del filmato “evita il contatto oculare con l'interlocutore, appare eccessivamente agitato, controlla l'orologio, si volta intorno, scalpita, mentre l'individuo che tenta di ingannare scruta in continuazione i compagni o gli altri presenti. Chi nasconde un'arma indossa un abbigliamento incongruo per taglia e condizioni climatiche, presenta una deformazione degli indumenti per il peso o l'ingombro della pistola o del fucile. Anomalie, discontinuità, gesti sui quali devono concentrarsi gli agenti in strada che devono abituarsi non a guardare semplicemente ma a vedere, valutare per cogliere cosa sta per succedere”. E come impedire che per preparare nuovi attentati i terroristi si possano servire anche in Italia di furgoni presi in affitto, come a Nizza e New York?
Con la prevenzione più classica: con l'operazione di polizia “Ultimo miglio” sono già stati controllati oltre 50 mila tir, camion, bus e altrettanti conducenti, 35 dei quali sono stati arrestati e 170 denunciati.

Michele Cucuzza

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
teatro flavio vespasiano

RIETI

Al teatro in scena i celebri "Carmina Burana"

Sabato 23 giugno, alle 18, al teatro Flavio Vespasiano, sono in programma i celebri "Carmina Burana" di Carl Orff, versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni ...

22.06.2018

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018